“Oramai siamo carne e telefonino: la memoria non è più nella testa, ma nello smartphone”.

(Vittorino Andreoli)

EATING CITY, LA CITTA’ CHE MANGIA

eATINGDOMENICA 2 GIUGNO DALLE ORE 12:00 ALLE ORE 16:00 in PIAZZA VITTORIO VENETO

In occasione della festa della Repubblica Italiana la piattaforma Eating City organizza a Torino

IL PRANZO E’ GRATUITO : una giornata dedicata al cibo, alla convivialità, alla lotta agli sprechi alimentari

L’evento, organizzato in occasione di Smart City Days si divide in tre momenti:

  • Ore 12:00 – 14:30 – PRIMO NON SPRECARE, pranzo per 3000 persone partendo dagli scarti alimentari derivanti dal commercio alimentare della provincia di Torino.
  • Ore 12:15 – !5:00 – Cibo & Costituzione, talk show condotto da Patrizio Roversi con politici, imprenditori e leader sociali per parlare della Costituzione Italiana e della sua relazione con il lavoro dell’uomo, l’agricoltura ed il cibo.
  • Ore 10:00 – 18:30 – Campagna Amica, mercato con oltre 50 produttori locali e non che ospita anche uno stand di Libera.

Tra gli ospiti della giornata: Andrea Orlando, Ministro dell’Ambiente; James Lomax, per UMEP E FAO Sustainable Production; Enzo La Volta, Assessore all’Innovazione e all’Ambiente della Città di Torino; Gaetano Capizzi, Direttore Smart City Days e CinemAmbiente; Bill Pullman, attore; Don Luigi Ciotti; Pierre Rabhi, guru dell’agricoltura sostenibile; Prof. Andrea Segré; Tiziano Treu; Gustavo Zagrebelsky.

La città mangia cibo ma anche il territorio necessario per produrlo. Da questa considerazione nasce il progetto EATING CITY, in cui ambiente, economia, salute e alimentazione si incontrano e si confrontano. L’obiettivo è di rimettere l’uomo al centro agroalimentare.

EATING CITY – LA CITTA’ CHE MANGIA è una manifestazione che si inserisce nel calendario degli Smart City Days – Torino 2013, organizzata da Risteco con il sostegno della Città di Torino e della Fondazione Torino Smart City, in collaborazione con Last Minute Market, Coldiretti Piemonte, Cooperativa Nanà,  Festival Cinemambiente, Auchan, Smat, Amiat, IREN Energia, Istituto Zooprofilattico, Sotral, Camst, Compass Group, Agrocompany, Ecozema, Glamoo.

L’evento avrà la seguente articolazione:

Ore 12:00 -14:30 – Primo non sprecare

pranzo per 3000 persone realizzato partendo dagli scarti alimentari derivanti dal commercio alimentare della provincia di Torino.

“Primo non sprecare” è un format di pranzi e cene rivolti a centinaia di commensali, promossi da Last Minute Market con la partnership del programma di Rai Radio2 Caterpillar, realizzati con cibo di recupero dagli sprechi della grande distribuzione e con prodotti km 0. Una proposta che si è sviluppata nell’ambito della campagna europea “Un anno contro lo spreco” per sensibilizzare l’opinione pubblica sullo scandalo degli sprechi alimentari e creare momenti di convivialità che abbia al centro il valore del cibo. I prodotti recuperati per questi pranzi diventano sfiziosi menu grazie all’estro e al talento culinario di noti chef italiani.

«Non sprecare dev’essere il primo comandamento laico del nostro tempo di crisi – spiega l’ideatore del progetto, Andrea Segrè – Gettare il cibo ancora buono da mangiare non solo è peccato in tutti i sensi, ma è anche un costo economico, ecologico e sociale. Ridurre gli sprechi alimentari dev’essere una priorità politica».

“Primo non sprecare” sprigiona il fascino del mangiare insieme, in piazza, in un vero e proprio ‘convivio’, condividendo del cibo che altrimenti sarebbe diventato rifiuto, scarto, eccedenza, surplus, invenduto …roba da buttare insomma. Attenzione: quel cibo è ancora perfettamente edibile e commercializzabile, e non si tratta di cibo ‘avanzato’.

Ore 12:15 – 15:00 – Cibo & Costituzione, talk show

prevede l’intervento di politici, imprenditori e leader sociali. Condotto da Patrizio Roversi, il talk show avrà luogo sul palco posto in prossimità all’area ristorante durante il pranzo. Si svilupperà in diversi momenti, con personaggi della politica locale, nazionale, testimonial economici e sociali, opinion leaders, che  parleranno della Costituzione Italiana e all’attenzione che pone al lavoro dell’uomo e all’agricoltura commentandone alcuni articoli relativi ai diritti dei lavoratori, delle imprese e dei consumatori, e del rispetto dell’ambiente, intrattenendo così i commensali sul valore culturale al cibo.

Ore 10:00 – 18:30 – Campagna Amica, Mercato gestito da Coldiretti Piemonte

all’interno dello spazio mercato saranno presenti oltre 50 produttori locali e non e sarà allestito uno stand della cooperativa Nanà per la vendita dei prodotti di Libera

Cos’è Eating City

La piattaforma “Eating City” da anni promuove il dialogo a livello internazionale sul futuro della filiera agroalimentare, con una forte attenzione alle dinamiche delle grandi città del mondo, sempre più popolate, sempre più energivore e che oggi ambiscono per necessità a divenire delle “Smart City”.

In questi primi quattro anni di attività sono stati organizzati numerosi incontri e conferenze internazionali. Sulla base a questa esperienza è stato ritenuto opportuno investire sull’informazione per arrivare ai giovani e ai cittadini tutti al fine di contribuire alla loro sensibilizzazione su questi temi fondamentali per l’evoluzione dell’uomo e della comunità in cui vive.

E’ necessario il cambio del paradigma economico che sottostà alla filiera agroalimentare che riteniamo, oggi più di ieri, indispensabile per ricreare un equilibrio tra sviluppo economico e territorio, uno sviluppo armonioso in sintonia con l’uomo e la natura.

Rimettere l’uomo al centro dell’economia, soprattutto quella agroalimentare è il primo dei nostri obiettivi, che è stato dichiarato ben prima che il tasso di disoccupazione raggiungesse quote mai immaginate.

Perché il 2 Giugno ?

Il 2 Giugno è la festa della Repubblica Italiana, si festeggia la sua nascita e  quindi per  molti aspetti si festeggia la Costituzione Italiana. Oggi più che mai la Costituzione deve essere letta e conosciuta,  in particolar modo nei suoi principi fondamentali ed in tutti quegli articoli, che furono frutto di un lavoro enorme da parte dei padri costituenti relativi all’economia agricola dall’allora sottocommissione agricoltura.

Rileggere la storia , l’uscita dalla guerra, la successiva nascita dell’Europa… possono aiutarci a ritrovare un equilibrio tra la natura e l’uomo, ri-ponendo lo stesso al centro dell’economia locale, in primis in quella agroalimentare, sia pur in un mondo globalizzato.

Perché Torino ?

Torino, città post industriale, Torino città smart. Una città che da sempre si caratterizza per la sua capacità di innovazione e che oggi più di ieri, diviene “la città del cibo”, dal Salone del Gusto alla lotta agli sprechi alimentari, tutto per mettere in evidenza l’importanza del cibo e del  lavoro dell’uomo nella filiera agroalimentare.

L’evento Eating City, è una iniziativa che si inserisce nel calendario di appuntamenti degli “Smart City Days – Torino 2013” (24 maggio – 9 giugno), realizzati con il sostegno della Città di Torino e della Fondazione Torino Smart City  in collaborazione con molteplici attori economici e sociali della città di Torino e dintorni.

Perché la Filiera Agroalimentare è da ripensare ?

Colpiscono i dati a livello planetario sullo spreco di cibo. Con la crescita dei consumi, aumenta anche la quantità di cibo perso, buttato, non sfruttato. Secondo la Fao, ogni europeo spreca ogni anno 179 chili di alimenti. Secondo Last Minute Market, organizzazione che sta cercando di ridurre gli sprechi  riutilizzando cibo, a livello domestico in Italia si sprecano mediamente il 17% dei prodotti ortofrutticoli acquistati, il 15% di pesce, il 28% di pasta e pane, il 29% di uova, il 30% di carne e il 32% di latticini. E da un punto di vista economico, per una famiglia italiana lo sperpero alimentare significa una perdita di 1.693 euro l’anno.

CLICCA, SCARICA IL COUPON E PARTECIPA AL PRANZO

info ULTERIORI

http://smartcitydays.it/showcase/eating-city-la-citta-che-mangia/

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)