“A volte si ha così tanta paura di morire, che ci si dimentica di vivere.”

(OMAR SY – Samuel, nel film “Famiglia all’improvviso – Istruzioni non incluse”)

TORINO CAPITALE DEL JAZZ ALLE OGR

Dopo il Torino Jazz Festival, si aprono nuove opportunità per ascoltare questo genere di musica in città.

Un’occasione per rendere fruibile le Ogr, monumento dell’archeologia industriale, principale polo culturale durante i festeggiamenti del 150° dell’Unità d’Italia.

Dino Piana e Fulvio AlbanoIl progetto Torino Capitale del Jazz – che avrà luogo alle OGR – è il completamento della rassegna presentata in occasione del 150° Anniversario dell’Unità d’Italia e curata dal Jazz Club Torino. Il programma – realizzato da musicisti affermati e nuove promesse del jazz nazionale, con una particolare attenzione ai piemontesi, senza trascurare il legame con il jazz internazionale – propone uno spaccato di storia e di contemporaneità.

PROGRAMMA:

Tutti gli appuntamenti inizieranno alle ore 21 ai Cantieri OGR, corso Castelfidardo, 22.

12/7 venerdì The Italian Sax Ensemble

13/7 sabato Torino Youth Jazz Orchestra

21/7 domenica Tiziana Ghiglioni quintet

27/7 sabato Dino Piana & Fulvio Albano quintet

VENERDÌ 12 LUGLIO ore 21

LE FORMAZIONI ORCHESTRALI TORINESI LEADER DEL JAZZ ITALIANO CONTEMPORANEO

The Italian Sax Ensemble

Claudio Chiara – sax alto

Valerio Signetto – sax alto

Fulvio Albano – sax tenore

Nicola Tonso – sax tenore

Gianni Virone – sax baritono

Gianluca Tagliazucchi – pianoforte

Aldo Zunino – contrabbasso

Adam Pache – batteriaTorino Youth Jazz Orchestra

L’ITALIAN SAX ENSEMBLE, ottetto costituito all’interno della Torino Jazz Orchestra, è una tra le più autorevoli formazioni orchestrali nel panorama jazzistico italiano. Grazie al notevole affiatamento perfezionato in anni di attività comune e alla spiccata personalità che si esprime in un formidabile senso dello swing e in un sound inconfondibile, esso rappresenta a pieno titolo l’alto livello raggiunto dal Jazz italiano. Oltre agli invidiabili curricula artistici dei suoi componenti, con collaborazioni di caratura internazionale, la compagine vanta un’esperienza di ensemble maturata all’interno della più importante orchestra jazz d’Italia, la Big Band di Gianni Basso, con la quale in oltre vent’anni di attività ha accompagnato solisti del calibro di Slide Hampton, Alvin Queen, Dusko Goykovich, Benny Bailey, Lee Konitz, Tony Scott, Johnny Griffin, Scott Hamilton. “Playin’ the Giants”, “Groovin’ at the Olympics” e “Fata Morgana” sono i titoli dei lavori discografici recentemente pubblicati dalla band. Loro ne riassumono le qualità in modo pregnante: uno stile originale e nello stesso tempo legato alla grande tradizione del jazz, una sezione dei saxofoni con un sound di grande classe e con uno swing impeccabile sul quale si sviluppano gli a solo dei suoi componenti, eccellenti solisti, e degli ospiti internazionali invitati. La formazione ha partecipato a festival internazionali quali Eurojazz Festival di Ivrea, Due Laghi Jazz Festival, Sanremo Jazz, Altitude Jazz Festival di Briançon (F) e Piemonte Clubbing (XX Giochi Olimpici Invernali Torino 2006), collaborando con Gianni Basso, Franco Cerri, Sangoma Everett, Tom Kirkpatrick (con il quale ha realizzato il CD “Playin’ the Giants” ), Dusko Goykovich (con il quale ha realizzato il CD “Groovin’ at the Olympics” ), e, recentemente, Uri Caine. Attualmente sono in uscita un album registrato dal vivo con il grande saxofonista Phil Woods e un album in studio con Dusko Gojkovic special guest alla tromba.Italian Sax Ensemble

SABATO 13 LUGLIO ore 21

IL PIEMONTE: FUCINA DI GIOVANI TALENTI DEL JAZZ ITALIANO

Torino Youth Jazz Orchestra diretta da Valerio Signetto

Valerio Signetto – direzione

Denis Torchio – sax alto

Roberto Ricchiardi – sax alto

Giuseppe Ricupero – sax tenore

Mario Fillia – sax tenore

Gabriele Peradotto – sax baritono

Enrico Allavena – trombone

Marta Antolovich – trombone

Alessio Arlaud – trombone

Giampiero Lo Bello – tromba

Alessandro Muner – tromba

Johnny Lapio – tromba

Michele Bernabei – tromba

Federico Bonifazi – pianoforte

Isabella Rizzo – contrabbasso

Davide Bono – batteria

La Big band è stata creata nell’ambito del progetto di cooperazione UE “Musiche dal vivo nelle Alpi Latine’. Durante il suo percorso formativo l’orchestra ha sviluppato lo studio dei diversi stili di scrittura orchestrale in ambito jazzistico, sotto la direzione musicale del Maestro Valerio Signetto. Il repertorio della band comprende composizioni della tradizione, come Summertime, Moten Swing, Is That You, fino ad arrivare ai ritmi e alle scritture più moderne di Joe Henderson, Dizzy Gillespie e Dusko Gojkovic. La big band ha all’attivo due anni di performance live realizzate in svariati contesti, dal club, ai festival jazz fino ad arrivare a i gemellaggi con le big band del conservatorio di Briançon (F) e della scuola internazionale ‘Blue Lake’ con sede in Michigan (USA).

DOMENICA 21 LE GRANDI VOCI DEL JAZZ ITALIANO ore 21

Tiziana Ghiglioni quintet

Tiziana Ghiglioni – vocal

Fulvio Albano – tenor sax

Massimo Faraò – piano

Aldo Zunino – bass

Adam Pache – drumsTiziana Ghiglioni

Tiziana Ghiglioni è considerata una tra le principali voci jazz italiane e la sua carriera ha ottenuto numerosi riconoscimenti all’estero. Ha iniziato nel 1979 l’attività artistica frequentando i seminari di Giorgio Gaslini. Ha studiato tecnica vocale con la soprano Gabriella Ravazzi ed ha partecipato a numerosi festivals e rassegne in Italia (Ciak di Milano, Umbria Jazz, Clusone Jazz, Pescara J F, Ancona J F, Roccella Jonica, Atina, Verona…) e in Europa (Varsavia Jamboree, Marsiglia, Cracovia J F, Rassegne di Ginevra e Avignone, Zurigo, Amburgo, Lione). Ha compiuto tournées teatrali con lo spettacolo Shakespeare Ellington – Albertazzi – Gaslini in concerto. Ha collaborato sia in concerto che su disco con Massimo Urbani, Pietro Tonolo, Tino Tracanna, Franco D’Andrea, Enrico Rava, Enrico Pieranunzi, Gianluigi Trovesi, Giancarlo Schiaffini, Paolo Fresu, Umberto Petrin. Tra le collaborazioni con gli artisti stranieri – quasi tutte registrate su vinile o CD – si ricordano quelle con Kenny Drew, N.H.O. Pedersen, Idreess Sulieman, Mal Waldron, Steve Lacy, Tony Oxley, Charlie Mariano, Mike Melillo, Kenny Clarke, Aldo Romano, Paul Bley, Lee Konitz. Ha collaborato inoltre col Feminist Improvising Group: Joelle Leandre, Irene Schweitzer, Lindsay Cooper, Maggie Nichols e Lauren Newton. Tra le sue registrazioni “Sonb” del 1992 si classifica al II posto del Referendum dei critici Top Jazz indetto da Musica Jazz. Nel dicembre 1993, al termine di un lungo tour dedicato alle canzoni di Luigi Tenco, registra – in quartetto con Petrin, Fresu, Trovesi – il CD “Tiziana Ghiglioni canta Luigi Tenco”. Nel 1994 vince la Targa Tenco. Tra il 1994 e il 1997 compie tournées in Germania, Francia e recentemente in Argentina dove incide anche alcuni brani di un CD con musicisti sudamericani. L’accompagna una band di grande classe con Fulvio Albano al sax tenore, Massimo Faraò al pianoforte, Aldo Zunino al contrabbasso e alla batteria l’australiano Adam Pache.

SABATO 27 LUGLIO

DAL PIEMONTE: DUE GENERAZIONI DI JAZZISTI ITALIANI

Dino Piana / Fulvio Albano quintet

Dino Piana – trombone

Fulvio Albano- sax tenore

Andrea Pozza – pianoforte

Aldo Zunino – contrabbasso

Roberto Paglieri – batteria

La collaborazione tra Dino Piana, classe 1930 e Fulvio Albano, classe 1961, rappresenta il legame tra due generazioni di musicisti jazz italiani, entrambi piemontesi, accomunati dall’amicizia e dalle collaborazioni professionali con il Maestro Gianni Basso, uno dei padri fondatori del jazz italiano. Li accompagna per quest’occasione la sezione ritmica capitanata da un altro grande esponente della nuova generazione di jazzisti italiani, il pianista Andrea Pozza.

DINO PIANA, uno dei più prestigiosi jazzisti italiani, ha già festeggiato i suoi 50 anni di carriera, iniziata nel lontano 1959 quando si presentò al concorso radiofonico “la coppa del Jazz” mettendosi immediatamente in luce come solista. Entra nel quintetto Basso-Valdambrini e nelle orchestre radiofoniche e televisive, continuando l’attività jazzistica. Realizza una lunga serie di concerti ed incisioni con propri complessi e musicisti internazionali, tra i quali Chet Baker, Frank Rosolino, Paco de Lucia, Gorge Coleman e tantissimi altri. Il resto è storia.

FULVIO ALBANO ha partecipato a numerosi festival jazz e rassegne internazionali, tra Europa, America e Asia. Ha collaborato stabilmente con la RAI di Milano e con il Teatro La Fenice di Venezia mentre attualmente è direttore della Torino Jazz Orchestra. Ha suonato con musicisti del calibro di Dusko Gojkovic, Johnny Griffin, Alvin Queen, Tony Scott, Lee Konitz, Franco Cerri, Benny Bailey, Slide Hampton, Jimmy Cobb, Bobby Durham, New York Voices, Tullio De Piscopo, Phil Woods, Dee Dee Bridgewater, Uri Caine, Tom Harrell, Eliot Zigmund, Jerry Bergonzi, Bobby Watson, Scott Hamilton, Paul Jeffrey, Dionne Warwick, Carla Bley, Steve Swallow, Andy Sheppard, Roberta Gambarini e Mickey Roker.

ANDREA POZZA si considera “madrelingua jazz”. Pianista eclettico capace di affrontare con grande disinvoltura qualsiasi repertorio, è attivo sulla scena jazzistica nazionale ed internazionale da circa 30 anni ed è riconosciuto dalla critica e dal pubblico come una delle personalità più rappresentative in ambito jazz attualmente in circolazione. Ha debuttato a soli 13 anni e ad oggi vanta collaborazioni importanti con quelli che sono da considerarsi i “mostri sacri” del jazz: Harry “Sweet” Edison, Bobby Durham, Chet Baker, Al Grey, Scott Hamilton, Steve Grossman, George Coleman, Charlie Mariano, Lee Konitz, Sal Nistico, Massimo Urbani, Luciano Milanese e molti altri ancora.

PER INFORMAZIONI:

Ufficio stampa Jazz Club Torino

Laura Cherchi – cell. 3495107704

cherchilla@gmail.com

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)