“A volte si ha così tanta paura di morire, che ci si dimentica di vivere.”

(OMAR SY – Samuel, nel film “Famiglia all’improvviso – Istruzioni non incluse”)

Werner Bischof – Retrospettiva

Dopo Henri Cartier-Bresson e Robert Capa, Silvana Editoriale,  in collaborazione con l’agenzia fotografica Magnum Photos,  porta al Palazzo Reale di Torino un altro grande maestro della fotografia: WERNER BISCHOF.

w. bischof

Un importante appuntamento per conoscere un “artista della fotografia”  – come lo stesso Bischof amava definirsi – che, per la profonda empatia con i soggetti ritratti e la repulsione per il sensazionalismo, fu definito dalla critica mondiale “il fotoreporter umanista”.  Dopo gli inizi a Zurigo, sua città natale, nel 1945 Bischof intraprende un viaggio nell’Europa devastata dalla guerra, rimanendone a tal punto segnato da abbandonare la fotografia patinata e dedicarsi interamente al fotogiornalismo  e all’osservazione documentaristica della realtà . Nel 1949 entra a far parte dell’appena nata agenzia Magnum Photos, per la quale lavora come fotoreporter  fino alla prematura scomparsa nel 1954 a soli 38 anni.

Il percorso espositivo si compone di 105 fotografie in bianco e nero , divise in 7

sezioni : Zurich  (1945), Europe after the war  (1945-1950), Japan  (1951-1952),

Korea  (1951-1952), Hong Kong/Indochina  (1951-1952), India  (1951-1952),

North/South America  (1953-1954).

Torino,      PALAZZO REALE      dal 20 settembre 2013 al 16 febbraio 2014

www.piemonte.beniculturali.it

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)