“Oramai siamo carne e telefonino: la memoria non è più nella testa, ma nello smartphone”.

(Vittorino Andreoli)

Shoah. Giorno della memoria

Mentre si allontana nel tempo questa esperienza che ha devastato la nostra civiltà, rifioriscono qua e là avvisaglie di quella ebreicultura che ne aveva creato i presupposti.

Fin troppo facile per il nostro mondo disattento e per la nuova povertà creata da una finanza cinica e da classi dirigenti autoreferenti lasciarsi attrarre.

Così Alba Dorata in Grecia guadagna consensi distribuendo alimentari, nei movimenti nostrani protestano commercianti che devono chiudere bottega accanto a pattuglie paramilitari di matrice nebulosa, ritorna dovunque il razzismo nell’indifferenza persino un po’ compiacente dei cittadini tartassati.

Ecco l’occasione per riesaminare questi fenomeni in una prospettiva storica.

La circoscrizione 2 e Cascina Roccafranca partecipano con varie iniziative a questo appuntamento annuale.

In Cascina Roccafranca

Abbiamo già annunciato in questo giornale il film presentato dal Gruppo Roccafranca Film “Mi ricordo Anna Frank” in cui la vicenda di Annelies Marie Frank e dei suoi familiari, nei campi di sterminio di Bergen-Belsen è rievocata dall’ amica Hanneli Goslar.

Stesso tema in una prospettiva diversa è nel film “Amen.” di Constantinos Costa-Gavras (Giovedì 23 gennaio ore 20.30 – galleria) sui rapporti tra l Vaticano e la Germania nazista. Kurt Gerstein, membro dell’istituto d’Igiene delle Waffen-SS denuncia al Papa Pio XII l’uso che i nazisti facevano dello Zyklon B per uccidere i detenuti nelle camere a gas.

Ancora Giovedì 30 gennaio ore 20.45 proiezione del film documentario “Barili di Polvere” di Cesare Vodani e Claudia Ramirez. un viaggio attraverso la memoria sulla tragedia dell’Olocausto raccontato da Claudia Ramirez. I ragazzi della IV Bs del Liceo Majorana presentano il Coro parlato “L’identità” – un bambino ebreo esprime le sue emozioni e le sue esperienze in un dialogo con il padre e altri ebrei nel periodo delle leggi razziali

Le immagini rappresentano meglio delle parole una realtà difficile da immaginare: Giovedì 16 si è inaugurata la Mostra fotografica “Da Mauthausen a Gusen – Campi del non ritorno”. A cura di Renzo Carboni, fotografo autodidatta. Presentazione del programma della rassegna a cura di Marisa Quirico e Renzo Carboni Intervento di Ferruccio Maruffi, e deportato. La compagnia teatrale L’Officina di Efesto ha presentato lo spettacolo “Ricordi”.

Ancora in Circoscrizione 2, Sala Operti, Corso Siracusa 213

Mercoledì 22 gennaio 2014  ore 10.00 e replica alle ore 11.30

“La storia di Srulik” – tratto dal romanzo “Corri ragazzo corri” di Uri Orlev
E’ la storia di Yoram Friedman, che oggi vive e insegna in Israele.
“Srulik , non c’è tempo. Voglio che ascolti bene e ricordi bene tutto quello che ti dirò . Devi sopravvivere, è un ordine!”  a cura del l’Associazione Teatro dell’ALEPH

Domenica 26 gennaio 2014  ore 17.00

“Voci dal lager” – Testimonianze e Atti del Processo di Francoforte”.
“…il mondo oggi si chiede come fu possibile che tante persone si facessero annientare in quel modo. Noi, che continuiamo a vivere con quelle immagini , sappiamo che milioni di persone possono aspettare di nuovo così di fronte alla loro distruzione e che questa distruzione potrebbe essere infinitamente superiore a quella di un lager….”
Spettacolo teatrale tratto da testimonianze reali di chi ha vissuto l’inferno del Lager a cura del Piccolo Teatro Comico.

Gianpaolo Nardi

gianpaolon@vicini.to.it

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)