C’è chi crede che tutto gli sia dovuto, ma non è dovuto niente a nessuno.

Le cose si conquistano con dolcezza ed umiltà.
(Madre Teresa di Calcutta)

LeggerMente incontra Massimo Carlotto

Martedì 15 aprile 2014 alle ore 2 presso la Cascina Roccafranca, via Rubino 45, nell’ambito del Progetto LeggerMente, ideato e promosso da Cascina Roccafranca, Biblioteche civiche torinesi, Circoscrizione 2 e Libreria Gulliver, Massimo Carlotto presenta il libroIl mondo non mi deve nulla” (Edizioni E/O).       foto libro Carlotto

Sarà l’ultimo appuntamento della Rassegna di quest’anno.

Massimo Carlotto è scrittore, drammaturgo e sceneggiatore.  Inizia l’attività letteraria con Il fuggiasco (1995), autobiografia romanzata da cui è stato tratto nel 2003 un film. Nel 1998 pubblica Le irregolari, romanzo autobiografico in cui viene raccontata la guerra civile e la repressione argentina degli anni settanta. Nel 2001 esce il noir Arrivederci amore ciao. Nel 2001 scrive il racconto per ragazzi Jimmy della collina, sulle carceri minorili. L’anno dopo Il giorno in cui Gabriel scoprì di chiamarsi Miguel Angel, sui figli dei desaparecidos. Nel 2004 pubblica L’oscura immensità della morte. Nel settembre 2009, a sette anni dal precedente, esce il nuovo episodio della saga dell’Alligatore, dal titolo L’amore del bandito. Nel 2013, con Marco Videtta, pubblica il ciclo Le Vendicatrici, di cui fa parte l’ ultimo romanzo.

Il mondo non mi deve nulla” segna il ritorno di Carlotto alla sua prosa migliore, quella del noir che va oltre il genere raccontando i lati più oscuri e paurosi dell’animo umano e le molte facce del male. Lo scrittore narra di Adelmo, un ladro che entra di soppiatto in una elegante casa a Rimini e trova una bella donna che non solo non grida e non trema, ma anzi lo sfida a rubare con agghiacciante sicurezza. Ha perso tutto e chiede ad Adelmo di ucciderla, in cambio lui potrà prendere tutto quello che le resta. Il mefistofelico patto spingerà i due protagonisti in una spirale di rimpianti, cinismi, umiliazioni, crudeltà, rimorsi e dubbi.

Questo racconto implica anche una riflessione sul senso che diamo alle nostre vite, sul peso del caso e della nemesi, sulla libertà di scelta delle nostre coscienze.

INFO

Biblioteche civiche torinesi: tel. 011 4429836/4438614

Cascina Roccafranca: tel. 011 443 6250; www.cascinaroccafranca.it

Libreria Gulliver: tel. 011 352678

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*