Se giudichi le persone, non hai il tempo di amarle.
(Madre Teresa di Calcutta)

Mille Prove: un video da guardare

Una immagine del video con Samantha-De-Rossi-Donato-Cannillo-Sylvia-Magi

A volte ci sono delle opere video pregevoli dentro l’enorme calderone di Youtube, ma sconosciute ai più. Il caso ha voluto che un’amica abbia partecipato, come attrice, nel video che potrete gustarvi qui sotto e me l’abbia fatto scoprire.

Il video è il risultato dell’incontro del regista, poco più che trentenne, Piero Ali Passatore e del gruppo Hip Pop “Sesto Sigillo” e quindi ho rivolto a Sonix e al regista qualche domanda.

Come vi siete conosciuti?

Sonix (fondatore e portavoce della Sesto Sigillo Crew e della Italian Hip Hop Hard Core Connection) : io e Valentino ci siamo conosciuti a scuola nel 1997, lui mi ha portato al Regio, il luogo dove si allenano i B.Boys di Torino, il primo luogo in Italia dove si è diffusa la cultura Hip Hop. Abbiamo formato la crew Hard Core Caffè con Dj Rex, Elfa e Kaio. I nostri destini si sono divisi per alcuni anni fin quando io e Valentino ci siamo rincontrati e abbiamo fondato il Sesto Sigillo. Il cantante Andrea Grisi lo abbiamo conosciuto in seguito ma ormai fa parte della famiglia.
E com’è nata l’dea del video insieme?
L’idea è stata di Valentino, mi ha praticamente costretto, in quanto ero convinto che un video con una canzone d’amore potesse assomigliare a una telenovela, ma con l’astuzia, la bravura e la genialità del grande regista Piero Ali Passatore, abbiamo fatto un lavoro ironico, simpatico e abbastanza coerente con i nostri ideali. Siamo appassionati di poesia medievale, in particolare della Scuola Cortese, della Scuola Siciliana e del dolce Stil Novo. Con le nostre metriche, nel video “mille prove”, volevamo omaggiare un’idea di poesia classica che ormai sta scomparendo.
Suonare insieme ha una particoalre motivazione?
Noi siamo una crew di B.Boys e suoniamo insieme per il puro piacere di fare il rap. Non esistono secondi fini, se otteniamo dei compensi ci fa piacere, ma la forza che ci spinge a fare musica è il puro piacere di comporre, l’arte fine a se stessa. Nei nostri pezzi parliamo anche di politica, massoneria, sacrifici umani, ma non vogliamo fare i paladini, facciamo Hip Hop per il puro piacere di farlo, onorando e rispettando le radici di questa cultura.
Nel video che stiamo proponendo ai nostri lettori citate il Quartiere Mirafiori Sud: c’è un legame particolare?
Torino è la nostra città, nel bene e nel male, Torino è molto importante nell’Hip Hop italiano. Dal Regio sono usciti B.Boys importanti come Next One, campione del mondo di Breaking, Dj Gruff, King Pinzu, considerato il re dell’Hip Hop italiano. Noi siamo legati a molti quartieri di Torino, io sono cresciuto in Barriera, mentre Valentino ad Alpignano, ma sono ormai 14 anni che vivo e lavoro a Mirafiori sud, un quartiere con molte problematiche, spero che si risollevi, poiché da quando va male la F.I.A.T. il quartiere soffre molto la crisi.
Cosa desiderate comunicare, in particolare, come artisti?
Il nostro messaggio principale è legato all’Hip Hop, noi vogliamo diffondere i veri valori della cultura Hip Hop, formata da 4 discipline, i rapper più famosi non parlano mai della cultura Hip Hop, non onorano e non rispettano la cultura Hip Hop, la sfruttano soltanto, sfruttano le 4 discipline. L’ Hip Hop non è solo un mezzo per esprimersi, i ragazzi devono rispettare le tecniche che utilizzano, ricordandosi di quanti hanno contribuito per portare tali tecniche a livelli alti, ricordando il sangue e il sudore di chi ha diffuso questa cultura quando ancora non era uscita dai ghetti, ricordandosi dei Writer che sono morti in Yard, rispettando e celebrando le 4 discipline con l’allenamento e l’umiltà. Noi portiamo un messaggio di Pace e di riconciliazione con Dio, un messaggio in linea con gli ideali della Zulu Nation e con i veri valori della cultura Hip Hop : Peace unity love and having fun !

Ed ora parliamo con Piero Ali Passatore: sceneggiatore, regista, montatore e attore.

Come hai conosciuto i ragazzi del Sesto Sigillo?
Chi fa parte della cultura Hip Hop si conosce. Shaka, aka Valentino, l’ho conosciuto nel 2008 perché faceva parte di una associazione culturale, la “Interseco”, con loro ho organizzato un evento culturale/musicale, ‘The Artist Showcase’, siamo diventati amici fin da subito. Quattro anni dopo, Valentino, assieme a Sonix (Andrea Davì), Andrea Grisi e Elena Metta ha realizzato l’LP ‘Piazza Pulita’, dopo averlo pubblicato mi ha chiesto di ascoltarlo e di scegliere la canzone che a mio parere avrebbe potuto essere la più adatta per farne un bel videoclip. Ho scelto ‘Mille Prove’, perché appena la sentii per la prima volta, rimasi colpito dal suo tono leggero e spiritosamente amicante, che mi ha fatto subito immaginare un scenario comico, buffo, ma allo stesso tempo ricco di significato, uno scenario nel quale vi è una storia d’amore che esprime concetti profondi e sentimenti struggenti, in contrasto con una realtà al tempo stesso ironica, capace di stupire, intrattenere e far divertire.
Alla fine è venuto un video interessante e ben fatto, ma com’è nata l’dea di farlo insieme?

Una immagine del video con Samantha-De-Rossi-Donato-Cannillo-Sylvia-Magi
Una immagine del video con Samantha-De-Rossi-Donato-Cannillo-Sylvia-Magi

A volte, chi mi assume come regista ha già una mezza idea di quello che vorrebbe fare, mentre altre volte, chiedono a me di scrivere una sceneggiatura su misura. Prima di questo facciamo sempre una cena e un brainstorming collettivo per buttare giù il soggetto assieme e poi di conseguenza lo sviluppo. In questo caso i membri del Sesto Sigillo mi hanno semplicemente messo come obbligo il fatto che loro due, Sonix e Shaka, si vedessero sempre e soltanto vestiti come Cavalieri Medievali, perciò dovevo scrivere una storia dove questa circostanza fosse plausibile. Come ispirazione per questo video ho preso ‘Non Ci Resta Che Piangere’ di Roberto Begnini e Massimo Troisi e gli sketch un po’ British humor di Benny Hill togliendo l’aspetto volgare, poi ho aggiunto il mio stile registico un po’ New Yorkese ironico. E’ stato un piacere lavorare con Donato Cannillo con cui avevo già fatto Il Ritorno di Mokaman (cortometraggio originalmente realizzato per il festival delle 50 Ore di Enrico Venditti, che conseguentemente vinse il secondo posto alla votazione del pubblico al Restart Festival 2011.). Personalmente credo che Donato sia un attore con molto da poter offrire nei ruoli comici e tragicomici. I ruoli di Donato e di Paola Crova li ho sviluppati con loro due ben in mente. Mi faceva sorridere l’idea di una strega hippy libertina che si fuma una pipa con chissà cosa dentro e viaggia nel tempo. Non conosco nessun’altra attrice al mondo che avrebbe potuto interpretare meglio questo ruolo se non Paola Crova. I rapper del Sesto Sigillo non avevano mai lavorato come attori, ma diciamo che hanno una loro comicità innata e io ho cercato di fare in modo che questa naturale ironia derivata dalla loro amicizia venisse messa in evidenza. Sono venuti tanti attori amici miei per le parti piccole e cameo, ci si aiuta a vicenda in questo mondo, è veramente un piacere e un privilegio poter avere attori come Filippo Locantore, Ilaria Aseglio, Cristina Rita Amaru’, Anthony Circiello, Alice Conti, Sylvia Magi e Alessandra Micozzi per ruoli minori. Ricordatevi, non ci sono mai piccoli ruoli, soltanto piccoli attori. Questo è stato anche il primo di vari video che feci con l’attrice-ballerina-coreografa Kosi Dina Okumador, un’ottima artista e persona. Al mio fianco sul set c’era il mio fidatissimo cameraman e braccio destro Walter TULMEN Corrado, è sempre un piacere e una garanzia lavorare con lui perché abbiamo un rapporto molto fraterno e ci sproniamo a vicenda cercando di tirare fuori il meglio uno dall’altro. Noi due assieme siamo come una troupe di 5 persone, forse anche sette. Nelle scene in cui abbiamo filmato al Borgo Medievale abbiamo attirato una massa di turisti che volevano foto con i nostri cavalieri e ci hanno costretto a ri-filmare alcune scene molte volte. Al tempo stesso devo ringraziare lo staff del Borgo Medievale che ci ha gentilmente concesso di filmare. Ringrazio Sabrina Sabre e Alessandra Enrietta per il loro utile contributo sulla sceneggiatura e sul set. Ringrazio anche Sara Stilo, la nostra truccatrice, che non solo è un’ottima truccatrice ma è “una di squadra” con un ottimo atteggiamento positivo che per me è fondamentale. Non sopporto persone che si lamentano, che sbuffano, che accettano lavori soltanto per i soldi e non per il piacere di farli, grazie a Dio non c’era nessuna persona di questo genere sul set. Per la post produzione ringrazio Lord Stefano D’Anna che ha curato la color correction e gli effetti speciali, si è ritrovato a dover rifare delle cose più volte per via della mia pignolaggine e lo ringrazio anche per questo
Qui, a questo punto, urge una tua presentazione.
Nessun problema: ho 33 anni e sono attore, doppiatore/speaker in inglese, autore di testi e paroliere/poeta, sceneggiatore, traduttore di sceneggiature, montatore video e regista. Sono cresciuto a New York da piccolo, dove ho fatto le scuole elementari e poi sono tornato da neo maggiorenne per fare l’università, laureandomi con una Laurea Doppia in Cinema e in Teatro alla City University of New York BA Program. Ho fatto un lungometraggio come protagonista, ‘La Maschera Etrusca’ diretto da Ted Nicolaou, e parti piccole in vari altri film tra cui ‘Dracula 3D’ di Dario Argento, ‘Non Sembra Amore Ma lo E’ di Ficarra e Picone, ‘Workers’ di Lorenzo Vignolo, e varie altri. Sarebbe bello poter vivere e campare soltanto come attore e regista di film internazionali, purtroppo questa opportunità non mi è ancora stata data, oppure mi è stata data e non ho giocato bene le mie carte, ma la voglia di trasformare sogni in realtà è dura a morire.
Raccontaci cos’è “fare un video” per te ?
Amo la musica e amo le libertà di espressione che il videoclip offre. Come film maker non sono legato a nessuno schema temporale, ne di genere, ne di continuità/raccordi. Sono molto più libero di esprimermi senza tutte le regole che dettano il linguaggio cinematografico tradizionale. I Videoclip low budget sono anche un’ottima scuola in quanto un film maker affronta praticamente tutti gli aspetti di una produzione cinematografica, ma in piccolo: lo sviluppo di un soggetto, la scelta delle varie figure artistiche (attori, modelle, ballerine, figurazioni speciali, idem per le location, la fotografia, regia, montaggio, post produzione. Oltretutto c’è sempre la speranza che un produttore veda dei miei videoclip su YouTube, e poi mi chiami per fare un lungometraggio, anzi, era successo due anni fa, ma il produttore si rivelò un pazzo furioso e i film ovviamente non si fece.
Stai elaborando qualcosa di particolare in questo momento?
Ora sto lavorando su vari nuovi videoclip, tra i quali ‘Manda Fanka’ di Rata e Ice One Featuring Tizla. E’ un videoclip energetico, simpatico e leggermente tamarro dove Rata e Tizla interpretano agenti segreti mandati in missione da Ice One per combattere la negatività e la depressione della gente usando un mezzo potente e diretto come la musica, devo solo girare l’ultima scena. Poi sto lavorando su un videoclip di un singolo che ho prodotto io, ‘Piece of Mind’ una canzone mista reggae-hip hop conscious di Tizla featuring il rapper Americano Hotline e il cantante Senegalese Sun Sooley su produzione di Lil Zed. Ultimamente sono stato assunto da un giovane cantante/ballerino Congolese Géraud d’Autrui per fargli la regia e produzione di un videoclip abbastanza stile Congolese con varie coreografie di ballo e una storia semplice e romantica. Sono stato scelto come attore per fare uno spot per la Fiat in inglese per il mercato Americano ma non so ancora quando e dove si farà. Ho dei soggetti per dei lungometraggi che sto sviluppando e spero di potere trovare un modo per produrli se Iddio vuole. Sto anche scrivendo i testi del nuovo album di Tizla, ‘Never a Dull Moment’.
L’ultima domanda è quella classica: hai un sogno nel cassetto?

PIero Ali Passatore nel ruolo di Cameriere Sushi
PIero Ali Passatore nel ruolo di Cameriere Sushi

Il mio “sogno nel cassetto” non é molto nel cassetto perché ne parlo spesso. Il quello é di poter sceneggiare e curare le regia di film indipendenti, filmati e ambientati in Italia, ma in lingua inglese, con attori Americani per il mercato internazionale. Sarebbe anche un sogno poter fare un’altro lungometraggio come attore protagonista, ora che sono un attore molto più esperto e formato di quando, all’età di 25 anni, interpretai il personaggio principale in ‘La Maschera Etrusca’. Speriamo in bene, se Iddio vuole. E’imperativo spingere e sostenere i talenti italiani, ma è anche doveroso creare le condizioni per accogliere attori americani in produzioni italiane, sapendo che gli attori, i registi e i produttori stranieri sono onorati di lavorare nel nostro bel Paese, custode di una gloriosa e storica cultura cinematografica.

Info

PieroAliPassatore
facebook.com/PieroAliPassatore
facebook.com/PieroPassatoreParteSeconda

Paola Crova
http://www.youtube.com/user/17pablita/featured

Sesto sigillo
https://www.youtube.com/user/SESTOSIGILLOMUSIC/featured
http://www.sestosigillo.it/

 

 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*