C’è chi crede che tutto gli sia dovuto, ma non è dovuto niente a nessuno.

Le cose si conquistano con dolcezza ed umiltà.
(Madre Teresa di Calcutta)

Gran Tour 2014: si parte!

image E’ appena iniziata la VII edizione di Gran Tour, l’offerta di iniziative culturali, turistiche e naturalistiche dello straordinario patrimonio del Piemonte dal 24 maggio al 22 novembre 2014. Il progetto, sostenuto da Regione Piemonte, Provincia di Torino, Città di Torino, Compagnia di San Paolo e Fondazione CRT, presenta quest’anno 40 nuove proposte tra gite, passeggiate e visite guidate per stimola la voglia di conoscerete ed esplorare le città, i borghi e le riserve naturali del nostro territorio.
Il programma si presenta rinnovato nei contenuti e nelle modalità di visita, con itinerari diversi per esigenze diverse: dalle proposte per le famiglie, a quelle più avventurose o artistiche, a quelle legate ai luoghi della memoria o che coniugano fede e natura, dalle visite cittadine alle gite fuori porta.  Anche quest’anno gli itinerari sono proposti tutti i giorni della settimana e anche in orari preserali, per dare l’opportunità a tutti  di partecipare. E visto il successo degli anni passati, si è arricchita l’offerta di visite nel periodo estivo in numerose località di montagna, occasione per coloro che restano in città di passare giornate all’aria aperta con visite che raccontano le storie delle nostre montagne tra natura e tradizioni ancora vive nelle piccole comunità che le abitano.

FESTA IN MUSICA PER TUTTI

Nel 2014 festeggeremo l’arrivo dell’estate con un percorso speciale sabato 21 giugno in occasione della Festa della Musica che animerà la zona del quadrilatero di Torino. Sarà un evento gratuito e senza prenotazione dedicato alla musica dall’epoca sabauda fino alle tendenze contemporanee in un contesto ricco di suggestioni musicali che il quartiere offrirà all’intera città. Ritrovo: piazza Castello, davanti al Teatro Regio, Torino ore 17.00 Durata del percorso: un’ora e mezza circa. Il percorso è gratuito, non occorre prenotare.
Al termine della passeggiata il Quadrilatero accoglierà tra concerti e intrattenimenti musicali in programma per tutta la serata.

VISITE IN CITTÀ

imageA Torino segnaliamo il percorso alla scoperta dei cortili nascosti dai portoni dei palazzi nobiliari della città un itinerario nel cuore antico della città, dalla contrada dei guardinfanti al quadrilatero Romano. I percorsi su  Le nuove architetture lungo le sponde della Dora e la Spina Centrale percorrono i più significativi esempi di riconversione degli stabilimenti dismessi in nuovi spazi per abitare e lavorare (come l’ex Ceat , il cantiere per la costruzione del nuovo Centro Direzionale Lavazza e la Residenza Parma 33), il nuovo Campus Luigi Einaudi disegnato dal prestigioso studio Forster e il tratto dalla Stazione di Porta Susa, al cantiere del Centro Direzionale Intesa Sanpaolo, passando per le OGR e la Centrale del Teleriscaldamento.
A novembre, in occasione di Paratissima, un percorso accompagna alla scoperta delle opere di street art realizzate in città per capirne la collocazione e il significato.
Il mistero dei Templari, detti “monaci guerrieri”, si rievoca in una passeggiata serale che testimonia delle  numerose tracce lasciate in Piemonte da questo Ordine che a distanza di oltre sette secoli racconta un’importante pagina di storia medievale.
La visita al nuovo termovalorizzatore del Gerbido permette di capire l’evoluzione delle tecnologie e le politiche di riciclaggio che  hanno modificato il “ciclo dei rifiuti”.
Oltre due secoli di storia dell’omeopatia sono proposti a partire dalla storica Farmacia dell’Ospedale Omeopatico di Torino, ricomposto presso gli Archivi storici della città, passando per Palazzo Barolo dove è conservato un bell’esempio di farmacia omeopatica da viaggio e concludendo in una farmacia storica del centro. La figura diNorberto Bobbio, uno dei più importanti filosofi italiani del Novecento è proposta negli aspetti  più “privati” della sua vita, tra il Liceo Massimo d’Azeglio, via Sacchi, fino alla casa dove visse e studiò.

IMMERSI NELLA NATURA

image

In Piemonte la natura si svela nelle aree protette del biellese, con il parco Burcina e l’Oasi Zegna o nell’antica riserva di caccia di Casa Savoia sulle Alpi Marittime. Tra i Sacri Monti, in un connubio tra fede e natura, sono proposti quelli di Domodossola, Orta,  Oropa e Varallo, oltre ai percorsi naturalistici ai piedi nella zona del Monviso e lungo il parco fluviale dello Scrivia. Per la prima volta si visita il Supervulcano del Sesia, unico caso al mondo – riconosciuto dall’UNESCO – di fossile di un Supervulcano che mostra le sue parti più profonde. È’ situato a Prato Sesia ed è un geosito di grande interesse dove all’interno della caldera è visibile uno dei migliori affioramenti di megabreccia vulcanica sulle rive del fiume Sesia.
Il lavoro dell’uomo e le produzioni tipiche sono esplorati tra la Valle Cervo e Miagliano, con l’industria della lana, e l’antica arte della ceramica nel monregalese. Il canale Carlo Alberto racconta lo sviluppo dell’imprenditoria alessandrina (cappellificio Borsalino e saponificio Cantalupo), vecchi mulini e fornaci del Canavese si apriranno al visitatore. Gran Tour accompagna, in val Chisone nei cunicoli e nelle gallerie dell’antica miniera di talco della Garidda, da poco rese accessibili al pubblico. Un itinerario in Valle Stura a Pietraporzio e al suo ecomuseo permette di avvicinarsi all’attività della pastorizia e al recupero della pecorasambucana tipica della territorio.
Gli itinerari adatti alle famiglie prevedono la visita a luoghi stimolanti anche per i bambini e attività a loro dedicate.
Le escursioni indicate come “avventura” propongono modalità di fruizione del territorio più dinamiche: easy rafting sul gommone, tratti in bicicletta, camminate in montagna o su sterrati che permettono di percorrere sentieri più selvaggi e di sicuro fascino.

PROPOSTE PER LE FAMIGLIE

Tra i nuovi percorsi sono da citare gli appuntamenti pensati per famiglie con bambini. Le visite proposte sono 11.
Si può scoprire la Torino rinascimentale o partecipare ad una caccia al tesoro nel centro storico, tra monumenti palazzi e curiosità della storia cittadina. Si andrà alla ricerca di elementi in stile liberty ed eclettico nel quartiere di San Salvario, tra elementi decorativi vegetali e animali. La chiesa dell’Immacolata Concezionedi via Arsenale, progettata da Guarino Guarini, offre lo spunto per disegnarne gli interni.
Uscendo dalla città, utilizzando anche il servizio di bus riservato,  si possonoseguire le tracce del lupo passeggiando nel parco delle Alpi Marittime a Entraque, visitando il centro dedicato, o partecipare all’escursione in val Sangone alla ricerca di funghi nei boschi di montagna ed entrando in un’antica miniera di talco.
Ostana, ai piedi del Monviso, propone un itinerario naturalistico e un parco avventura dotato di muro di arrampicata mentre la val Varaita si offre per una giornata da trascorrere tra il legno (nel centro didattico Alfabetulla di Isasca) e la musica di tutto il mondo, da conoscere e sperimentare nell’originale Fabbrica dei Suoni di Venasca.
Infine ad Asti si potrà scoprire quando…tra i filari nuotavano le balene e partecipare al laboratorio pomeridiano del museo paleontologico con fossili di cetacei e molluschi di tre milioni di anni fa.

ITINERARI “AVVENTURA”

Per le persone più dinamiche si suggeriscono alcuni appuntamenti. Si può scegliere tra una discesa di easy rafting sul gommone in un tratto del fiume Po in provincia di Vercelli o un percorso in bicicletta lungo il “sentiero della poiana” di Rocchetta Tanaro tra torri medievali e musei originali come quello della bicicletta e del tambass (tamburello).
Chi ama la montagna può partecipare alle camminate nell’antica riserva reale di caccia di Casa Savoia, sulle Alpi Marittime tra terme di Valdieri e pian del Velasco, con le 500 specie botaniche del giardino alpino di Valderia, o a quella all’interno delParco naturale del massiccio del Marguarais in alta val Pesio con la suggestiva Certosa del XII secolo. Si percorrono a piedi anche gli antichi sentieri della Sacra di San Michele dove si scopre la cava da cui si sono estratte le pietre verdi per costruire l’Abbazia. Mentre i bicicletta si pedala nella riserva del parco fluviale del torrente Scrivia attraverso la flora, insediamenti antichi e le frazioni che costeggiano il fiume.

INFORMAZIONI UTILI

Gli itinerari sono suddivisi in due sezioni: “Torino e dintorni” e “Territorio piemontese”. E’a disposizione un calendario degli appuntamenti per facilitare la scelta delle visite da parte del pubblico, su www.piemonteitalia.eu  ewww.torinocultura.it
Il calendario è anche in distribuzione presso:

  • InfoPiemonte-Torino Cultura via Garibaldi 2,Torino
  • Punto informativo Piazza Palazzo di Città, Torino
  • Sedi Circoscrizioni di Torino
  • Biblioteche Civiche di Torino

La prenotazione è obbligatoria e può essere effettuata dal 15 maggio 2014 (per i percorsi dal 24 maggio al 31 agosto) e dal 15 luglio (per i percorsi da settembre in poi)

  • Numero verde 800.329.329, attivo tutti i giorni della settimana dalle 9 alle 18
  • InfoPiemonte-Torinocultura, via Garibaldi 2, Torino, aperto tutti i giorni dalle 9 alle 18

Le quote di partecipazione sono comprese tra 5 € per gli itinerari a piedi fino ad un massimo di 25 € per gli itinerari in pullman in regione. Sempre gratuito per  Minori di 6 anni, disabili e loro accompagnatori.

Buon divertimento e..mandateci qualche foto o racconto delle vostre gite, le pubblicheremo!

Mascia Manzon
masciam@vicini.to.it

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*