Se giudichi le persone, non hai il tempo di amarle.
(Madre Teresa di Calcutta)

Parlando di Torino con Gianni Oliva

Oliva_TerraMadreUn incontro interessante sulla storia di Torino si è tenuto giovedì 12 febbraio 2015 alle ore 18.00, presso la Sala delle feste della Cascina Roccafranca.

Poco più di un’ora di chiacchierata con il prof. Gianni Oliva su Torino: la sua struttura urbanistica, la posizione geografica strategica, la sua storia fortemente segnata dalla dinastia dei Savoia.

L’incontro, patrocinato dalla Circoscrizione 2 e aperto dall’intervento di Teresina Montenegro, responsabile della V Commissione – cultura, sport, tempo libero, è stato curato dai volontari dell’associazione A.Me.Va. e fa parte del programma della 5° edizione di Leggermente, iniziativa di promozione alla lettura rivolta ai cittadini della Circoscrizione 2.

Il gruppo di lettura dell’Ecomuseo ha letto il libro “Storia di Torino” di Gianni Oliva, edizioni Biblioteca Dell’Immagine, uscito nel maggio del 2014 e questa lettura è stata l’occasione per un confronto di idee da cui si sono sviluppate alcune domande che sono state poste all’autore durante l’incontro.

Il libro raccoglie in 300 pagine la storia di Torino dalle origini ad oggi ed è di agevole lettura, proprio per il suo carattere divulgativo alla portata di tutti.

Gianni Oliva, oltre ad essere uno storico, ha avuto cariche politiche nell’amministrazione locale: è stato assessore alla cultura e consigliere presso la Regione Piemonte e presso la Provincia di Torino, così, durante l’incontro, si è voluto conoscere il suo parere sull’attuale situazione di Torino.

Il professore ha considerato l’innegabile momento di crisi che stiamo vivendo ma ha voluto porre l’accento sul patrimonio che Torino possiede, sia dal lato culturale e artistico sia imprenditoriale.

L’evento dei giochi olimpici invernali del 2006 ha dato visibilità internazionale alla città e, nonostante alcune scelte di investimento discutibili, ha reso la città più bella, aprendola al turismo.

Naturalmente non possono essere il turismo e tanto meno la cultura a sostenere l’economia di una città come Torino che deve ritrovare la propria forza nell’imprenditoria e nelle numerose eccellenze tecnologiche di cui dispone.

Il dibattito su questi argomenti ha interessato molto il pubblico, circa una sessantina di persone che è intervenuta con domande e considerazioni. Purtroppo si è notata l’assenza di una partecipazione giovanile e la fascia d’età del pubblico era mediamente sopra i 50 anni, ma la vivacità non è mancata.

Credo che l’interesse per gli argomenti trattati e soprattutto le grandi capacità oratorie dell’ospite abbiano regalato un’ora piacevole a tutti i partecipanti.

I prossimi appuntamenti di Leggermente saranno:

  1. Mario Pistacchio e Laura Toffanello il 20 febbraio alle ore 18.00 presso la libreria Gulliver
  2. Mario Togliani il 5 marzo alle ore 18.00 presso la libreria Gulliver
  3. Luciano Gallino il 20 marzo alle ore 17.30 in Cascina Roccafranca
  4. Giancarlo De Cataldo il 9 aprile alle ore 18.00 a Villa Amoretti
  5. Un incontro dedicato ai fratelli Karamazov il 16 aprile alle ore 21 in Cascina Roccafranca

Eva Alciati

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*