“Oramai siamo carne e telefonino: la memoria non è più nella testa, ma nello smartphone”.

(Vittorino Andreoli)

RESTAURO CONSERVATIVO DELLA PORTA PALATINA E DEL MURO DI CINTA ROMANI

Ci sono voluti 15 mesi di cantiere – da settembre 2013 a dicembre 2014 – ed a restauro concluso, il complesso delle Porte Palatine viene restituito alla cittadinanza.
Il monumento si trova all’interno di un parco urbano abbastanza distante dalle vie del traffico. È inserito però in una viabilità complessa, quella dell’area mercatale di Porta Palazzo, che ha influito molto sul suo degrado rendendo necessario programmare un progetto di restauro per salvaguardarlo.

I lavori di ripulitura – resi possibili grazie al contributo dalla Compagnia di San Paolo – sono stati progettati dai tecnici del Servizio Edilizia per la Cultura della Città di Torino, in collaborazione e sotto l’alta sorveglianza della Soprintendenza Archeologia del Piemonte e della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le Province di Torino, Asti, Cuneo, Biella e Vercelli e affidati con procedura negoziata, al Consorzio San Luca per la Cultura, l’Arte e il Restauro di Torino.

DCIM100MEDIA

Il lavoro è stato estremamente conservativo e ha tenuto in considerazione la particolare disomogeneità del degrado rispetto alle varie parti del complesso.
Gli interventi si possono suddividere in opere specifiche di restauro con l’utilizzo di tecniche, materiali e manodopera specialistica e opere edili per la realizzazione degli apprestamenti e degli accorgimenti necessari alla preservazione del bene.

Sono stati utilizzati materiali e tecniche compatibili con l’approccio filologico del restauro e si è rispettata l’ormai consolidata metodologia operativa, attraverso indagini preliminari, mappature, analisi, rilievi e documentazione fotografica, al fine di chiarire con precisione lo stato di conservazione degli elementi e gli specifici interventi da realizzare.

Il restauro ha coinvolto in particolare il fronte nord della Porta Palatina e la parte bassa del fronte sud, oltre al tratto di cortina muraria a essa adiacente su entrambi i fronti. Si è iniziato con una prima importante pulitura per eliminare le erbe infestanti, i muschi e le croste di sporco specialmente sul muro di cinta e nelle parti più basse della Porta. Successivamente sono stati realizzati una serie di consolidamenti, stuccature e microstuccature, cuci–scuci e riconfigurazioni del paramento murario e, a completamento, è stato effettuato un adattamento cromatico nelle parti che risultavano disomogenee.

Particolare attenzione è stata posta nella revisione di tutte le copertine in malta sommitali: sono state rifatte le impermeabilizzazioni e le faldalerie, sia sulle torri della Porta, sia sull’’interturrio (parete fra le due torri). Nelle cornici intermedie dell’interturrio e nelle finestre, invece, sono state attentamente revisionate e
parzialmente integrate le copertine.

RESTAURO PORTA PALATINA  2

Durante gli interventi, in particolare sul muro di cinta, è stato possibile effettuare un rilievo storico–stratigrafico che ha consentito di definire tutte le fasi costruttive e i relativi periodi di riferimento. Grazie a questo lavoro si è prodotta una ricca documentazione grafica e fotografica oltre la stesura di una relazione scientifica sull’attività svolta.

La documentazione, finalizzata alla progettazione dell’intervento del Consorzio San Luca sulla Porta Palatina, è stata arricchita dall’impiego di un drone che ha consentito, grazie alle immagini ravvicinate, di conoscere in maniera approfondita le forme di degrado in atto sul monumento e del suo muro di cinta. Quest’ultimo, per la sua rispettabile mole di circa dieci metri di altezza e quaranta di lunghezza, ha richiesto moltissime ore di lavoro.

Il progetto definitivo – per un importo complessivo stimato di 594mila euro, IVA compresa – è stato finanziato per la maggior parte dalla Compagnia di San Paolo e, in parte minore, con fondi della Città.

loris@vicini.to.it

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*