“A volte si ha così tanta paura di morire, che ci si dimentica di vivere.”

(OMAR SY – Samuel, nel film “Famiglia all’improvviso – Istruzioni non incluse”)

IL VIAGGIO CONTINUA: 2006 -2016

LOGHItorino-2006-piu-dieci

26, 27, 28 FEBBRAIO 2016

Tre giorni di festa, un programma fittissimo composto da appuntamenti e spettacoli dal vivo, sfilate e inaugurazioni di mostre, eventi e competizioni sportive amichevoli, che, oltre ai turisti, coinvolgeranno gli atleti e i volontari olimpici, i dipendenti TOROC, gli alpini, i torinesi che oggi possono dire “io c’ero” e quelli che ne hanno sentito parlare, i sindaci di Torino e quelli delle valli Olimpiche.

Tutti insieme ripercorreremo le Olimpiadi invernali del 2006 rivivendo le emozioni e l’orgoglio di una vera Capitale dello sport, della cultura, del turismo al centro della scena internazionale.

Dieci anni ci separano dalle magnifiche emozioni di OLIMPIADI e PARAOLIMPIADi di TORINO 2006.

Questo tempo, in cui la nostra città ha cambiato pelle, abitudini e scoperto di poter essere protagonista anche nella sfida a rinnovarsi e scoprirsi giorno per giorno, viene ricordato nelle parole del Sindaco Piero Fassino:

“Un compleanno, certo. Un modo per rivivere l’emozione, certo. Una retrospettiva dei successi, anche. Ma l’idea di festeggiare il decennale olimpico, e di rievocare lo straordinario periodo – tanto breve quanto coinvolgente – delle Olimpiadi invernali di Torino 2006 è anche e soprattutto un modo per guardare avanti. Ricordando la strada che portò alla cerimonia inaugurale del 10 febbraio, con le sue incertezze, la fatica, gli scetticismi che costellarono gli anni precedenti.
Guardando alla capacità, così radicata e antica in questa Città, di fare le cose per bene e al meglio possibile, in un accordo non scritto e silenzioso capace sempre di unire, anche nelle differenze.
Le Olimpiadi si fecero. E fu un successo straordinario che permise di scoprire, e di riscoprire, una Torino troppo a lungo raccontata come la grigia città delle auto, la metropoli-fabbrica, avamposto industriale del Nord Italia che viveva intorno alla produttività. E, lo ricordo bene, l’eredità fu immensa: un rinnovato orgoglio di esserci stati e di sentirsi torinesi, di essere quelli che avevanocompiuto un silenzioso miracolo. Dopo dieci anni, ora come allora, quel che vogliamo celebrare è lo spirito olimpico, evocando la nostra forza più profonda, la sicurezza che Torino è cambiata e che cambierà ancora. E continuerà a farlo grazie al quel patrimonio comune di energie, idee, impegno, costruito durante gli anni e in grado di affrontare anche le sfide più difficili. I cittadini torinesi, partecipando al cambiamento degli ultimi vent’anni, lo hanno reso possibile: perché le grandi trasformazioni, materiali o immateriali, avvengono solo come azioni collettive.
E non è un caso, se ci pensiamo, che la città in cui “non succedeva mai niente” sia oggi indicata dal New York Times come unica meta italiana da non perdere nel 2016.

Per quello che è stata, per la sua storia, ma più di ogni altra cosa per la capacità di costruire il proprio futuro. Con tenacia e discrezione, ogni giorno.
Sì, il viaggio continua.”

Per il dettaglio delle singole iniziative del programma: www.to2016.it

Angelo Tacconi

loris@vicini.to.it

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*