E’ impossibile vivere senza fallire in qualcosa, a meno che uno non viva così cautamente da non aver vissuto affatto.  (Joanne K. Rowling)

PROSEGUE IL PROGETTO ESSERE ANZIANI A MIRAFIORI SUD

Mani in pasta_22 dicembre 2015_0

Prosegue con successo il progetto “ Essere anziani a Mirafiori Sud” promosso dalla fondazione di Comunità Mirafiori Sud in collaborazione con la Circoscrizione 10 del Comune di Torino e gestita dall’Associazione di Promozione Sociale Centro x100.

L’obiettivo del progetto, della durata di 2 anni, è di contribuire a promuovere l’invecchiamento attivo delle persone di 65 anni e più che vivono a Mirafiori Sud, in particolare nell’area compresa tra Corso Unione Sovietica, Strada Castello Mirafiori, Strada delle cacce e via Barbera.
In che cosa consista il progetto l’abbiamo già spiegato in un precedente articolo

Per approfondire la conoscenza del progetto abbiamo rivolto alcune domande alla Dottoressa Roberta Molinar, una delle responsabili del progetto.

D. Come è nato il progetto “ Essere anziani a Mirafiori?”

R. L’iniziativa “Essere anziani a Mirafiori sud” nasce dalla volontà della Circoscrizione 10 di affrontare i bisogni attuali della popolazione residente, che è in gran parte anziana, e le priorità emerse in occasione della stesura dei Piani e Profili di Salute che ha visto la consultazione non solo di operatori e esperti, ma anche di testimoni privilegiati e di cittadini. Costoro hanno fatto emergere con forza il tema degli anziani e dell’importanza di poter usufruire di risorse e di risorse e opportunità sul territorio per un invecchiamento in salute e un miglioramento della qualità di vita.

D. Chi gestisce e da chi è finanziato il progetto ?

R. Grazie al supporto e al sostegno economico e strategico della Fondazione di Comunità di Mirafiori sud, che rappresenta una risorsa fondamentale per lo sviluppo sociale dell’intero quartiere, è stato promosso un bando per la selezione di un ente gestore del progetto. L’Associazione CentroX100 è stata selezionata per la gestione dell’intero progetto di durata biennale.

D. Come si inserisce il progetto nei programmi e obiettivi della Circoscrizione 10

R. La Circoscrizione 10 e la Fondazione di Comunità Mirafiori sud hanno quindi voluto dar vita e sostenere un progetto di promozione dell’invecchiamento attivo che mettesse al centro gli anziani, non solo come fruitori di iniziative e attività, ma anche come promotori e attivatori di processi e dinamiche di promozione della salute e del benessere. In modo innovativo e per la prima volta sul territorio di Torino, è stato promosso un progetto di coinvolgimento dal basso e di partecipazione attiva degli anziani in modo da condividere insieme a loro i reali bisogni e da realizzare insieme a loro le possibili risposte.
L’area ristretta permette di rafforzare le reti di vicinato che assumono una particolare importanza nell’età anziana in quanto la mobilità e la possibilità di spostamento in modo autonomo diventa più difficile e quindi la zona di residenza diventa lo spazio principale di frequentazione e di fruizione.

D. Qual’ è la sede del progetto e i momenti di incontro ?

R. Tutti i martedì dalle 10.00 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 17.30 siamo in via Morandi 10/A a Torino presso lo Spazio Anziani. L’accesso è libero e gratuito. La partecipazione a tutte le attività che vengono proposte è gratuita e questo consente l’accessibilità a tutti. È a disposizione un numero di telefono dal lunedì al venerdì dalle 10 alle 12 al 331 389 9523. Il programma delle iniziative è costantemente pubblicato sulla pagina FB Miraflores Casa nel parco così come è consultabile e in distribuzione il martedì presso la nostra sede in via Morandi 10/A negli orari sopraindicati.

D. Quali sono le attività proposte ?

R. Sono in programma incontri informativi con esperti su temi qualil’alimentazione, l’attività motoria, gli incidenti domestici, i farmaci, i servizi e le opportunità del quartiere e laboratori di autoproduzione alimentare collettiva. Martedì 16 febbraio verrà attivato un ciclo di incontri sul tema della sicurezza urbana e della vivibilità del quartiere. In primavera saranno previste attività all’esterno, come un gruppo di cammino e passeggiate nel quartiere. Ogni mese realizziamo un incontro finalizzato alla creazione e rivitalizzazione di una rete di vicinato solidale all’interno di un ampio caseggiato abitato prevalentemente da persone anziane. Le iniziative proposte si tengono in via Morandi 10/a o in altre sedi di volta in volta individuate a seconda del tipo di iniziativa da proporre.

D. Che relazione ha il progetto con le altre iniziative del Centro Anziani ( Ballo, gioco delle carte ecc?) In che cosa si differenzia ?

R. Rispetto alle attività proposte dagli spazi anziani, ciò che ci contraddistingue è che stimoliamo gli anziani a dare ciascuno il suo contributo per rendere il quartiere più accogliente e solidale, a mettere in campo le energie e le capacità, a raccontarci le loro idee e ad aiutarci a organizzare attività utili e interessanti per chi vive nella zona di intervento, a fare passaparola con amici, conoscenti e vicini di casa. Per questo abbiamo scelto come slogan “A Mirafiori sud l’entusiasmo non ha età”. Il progetto “Essere anziani a Mirafiori sud” ha anche l’obiettivo di far nascere nuove progettualità a partire dalle sperimentazioni che si fanno e dagli interessi degli anziani. Una delle nostre azioni è anche quella di rivitalizzare il tessuto sociale degli anziani in modo da metterli in contatto con quanto il quartiere offre e da far nascere da loro le iniziative.
Tutte le attività che proponiamo sono basate sulle risorse degli anziani o del quartiere: facciamo con quello che abbiamo realmente a disposizione, il che ci permette di scoprire risorse sconosciute o inesplorate e di essere creativi e innovativi. Laddove possibile, cerchiamo di creare connessioni con altre iniziative rivolte a target diverse in modo da far sentire gli anziani parte di una comunità e di un quartiere in cui ci sono anche altre realtà. L’obiettivo è mantenere gli anziani attivi, valorizzarli come risorse per la comunità, rivitalizzare le reti di vicinato e promuovere partecipazione attiva e alla pari tra anziani in un’ottica di promozione della salute e del benessere.

D. Qual’è la partecipazione dopo qualche incontro ?

R. La curiosità e l’entusiasmo con cui gli anziani hanno accolto l’iniziativa è stata maggiore del previsto. Le adesioni al progetto sono in crescita in quanto la strategia più efficace di promozione e di coinvolgimento è il passaparola tra amici, vicini di casa e conoscenti che però necessita di un tempo un po’ più lungo per andare a regime. A qualsiasi età non è mai facile mettersi in gioco e mettere in campo le proprie energie e le proprie capacità, tantomeno in età anziana. Inoltre questo progetto ha significato per gli anziani un cambio di prospettiva, in quanto non c’è un programma già ben definito di attività a cui partecipare, ma il programma si costruisce insieme di volta in volta anche sulla base delle risorse disponibili.
Attualmente, alle iniziative proposte partecipano circa 15-20 persone alla volta.
All’avvio del progetto sono stati proposti una serie di incontri in cui gli anziani potessero portare le loro idee e proposte per migliorare il loro benessere e per favorire lo svolgimento di attività quotidiane.
Circa 15 persone si sono rese disponibili per affiancare gli operatori nella progettazione.

Ringraziamo la dottoressa Molinar e auguriamo a lei e ai suoi colleghi oltre che ai partecipanti all’iniziativa Buon Lavoro

Franca Guiot

francag@vicini.to.it

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*