C’è chi crede che tutto gli sia dovuto, ma non è dovuto niente a nessuno.

Le cose si conquistano con dolcezza ed umiltà.
(Madre Teresa di Calcutta)

Vivace con sentimento: incontro con Stefania Bertola

In un clima amichevole e vivace si è svolto venerdì 22 aprile, alla Biblioteca civica Villa Amoretti,  l’incontro con Stefania Bertola.ragazze mancine

Il pubblico, in prevalenza femminile, ama molto questa scrittrice ironica e schietta. I suoi libri sono considerati una cura contro i momenti di sconforto.

Bertola si dimostra fuori dagli schemi fin dall’inizio e si rivolge alle lettrici prima ancora di essere presentata, invitandole a partecipare attivamente con domande e interventi.

La conduttrice dell’incontro, Deborah Nurchis, la informa che le domande sono state raccolte durante il gruppo di lettura e arrivano già dalle sue lettrici, secondo la formula consueta del progetto Leggermente. L’autrice apprezza e iniziamo a parlare del libro “Ragazze mancine”, oggetto dell’incontro.

Bertola dichiara il suo amore per i romanzieri classici, quali Dickens e Jane Austen, preferendo le storie corali ai romanzi che si concentrano su un solo protagonista.

Le sue storie sono al femminile, narrano vicende di donne mettendo a confronto diverse personalità e situazioni, però hanno anche personaggi maschili di rilievo che diventano determinanti per lo svolgersi degli eventi. Ciò nonostante, Bertola dichiara che, per lei, la mente maschile è un mistero e non potrebbe mai scrivere in prima persona con un protagonista maschile. Preferisce, in generale, raccontare ciò che conosce meglio, per questo i suoi romanzi sono ambientati a Torino e i suoi riferimenti ad elementi reali sono molti.

La sua ambizione sarebbe di occuparsi esclusivamente dei suoi romanzi, invece deve dedicarsi alle traduzioni – che le sono state molto utili per imparare la terminologia giusta – e da diversi anni scrive i testi per Luciana Littizzetto, che è anche un’amica.

Tanti i progetti futuri: sta per uscire per Feltrinelli il libro per ragazzi “Solo Flora”; vorrebbe riprendere tutte le protagoniste dei suoi libri e narrare un giorno della loro vita, oggi; sta scrivendo una versione moderna di “Ragione e sentimento” e, per quest’ultimo progetto, ci prenotiamo fin da ora per organizzare un prossimo incontro.

Eva Alciati

posted gianpaolon@vicini.to.it

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*