“A volte si ha così tanta paura di morire, che ci si dimentica di vivere.”

(OMAR SY – Samuel, nel film “Famiglia all’improvviso – Istruzioni non incluse”)

Referendum comunali: nuove possibilità

Aumentano le possibilità per i cittadini torinesi di poter intervenire sulle decisioni importanti dell’Amministrazione Comunale, infatti il Consiglio comunale di Torino ha approvato, nel pomeriggio di  lunedì 16 gennaio, con 25 voti favorevoli e 5 astenuti, una delibera di iniziativa consiliare riguardante l’attuazione di modifiche statutarie sugli strumenti per la partecipazione.

In particolare, il documento presentato dal consigliere Roberto Rosso recepisce modifiche ai referendum comunali per quanto concerne la diminuzione del quorum, l’introduzione del referendum propositivo e la partecipazione per via telematica.

Tutte modifiche già contenute nella delibera di iniziativa popolare approvata dal Consiglio comunale il 22 febbraio 2016 che ha portato alla modifica dello Statuto della Città.

Con la delibera approvata lunedì, in attuazione di quel provvedimento, viene di conseguenza modificato il Regolamento comunale n. 297 che costituisce il testo unico di riferimento per tutte le forme di partecipazione dei cittadini a livello comunale.

Le novità regolamentari riguardano il numero di sottoscrizioni per indire un referendum comunale che viene ridotto da ventimila a diecimila, mentre da duemila a mille si riduce il numero di sottoscrizioni necessarie a verificarne l’ammissibilità.

Viene, inoltre, introdotto il nuovo strumento del referendum propositivo vincolante che permette ai cittadini di presentare una consultazione contenente proposte di indirizzo o di scelta su materie di competenza della Giunta o del Consiglio comunale.

 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)
Referendum comunali: nuove possibilità, 10.0 out of 10 based on 1 rating

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*