“Oramai siamo carne e telefonino: la memoria non è più nella testa, ma nello smartphone”.

(Vittorino Andreoli)

Chioschi nei parchi, un bando per l’assegnazione di nuove aree

I chioschi sono punti di incontro e socializzazione  e possono animare un parco, renderlo più accogliente e garantire, grazie alla sua presenza costante, un presidio per il controllo e la sicurezza del territorio. Rispolverando un provvedimento del 2006 mai applicato e aggiornandolo, la Giunta comunale, su proposta degli assessori Unia, Rolando, Montanari e Sacco, ha approvato l’emissione di un bando per la concessione di 19 aree in altrettanti parchi in cui sarà possibile installare un chiosco per la somministrazione di bevande e alimenti.

All’individuazione delle aree si è arrivati partendo dal provvedimento del 2006 e aggiornandolo con l’aggiunta di nuove aree verdi che nel frattempo erano state inaugurate. A queste si sono aggiunte tre aree proposte dalle Circoscrizioni e, in futuro, i cittadini potranno proporre nuove installazioni attraverso lo strumento della manifestazione d’interesse.

L’elenco comprende le seguenti aree:  

  • Giardino via Nitti
  • Parco Pellerina (fronte ingresso Vigili del Fuoco – corso Regina Margherita)  
  • Giardino Marie (Madame) Curie (via Servais 200)  
  • Giardino ex Venchi Unica (via Mila-via Arpino-via Fenoglio)
  • Parco via Calabria  
  • Parco Confluenza  pressi piazza Sofia
  • Parco Crescenzio  
  • Piazza Chiaves  
  • Parco del Meisino  
  • Giardino Ex Rubbertex (corso Grosseto, via Ala di Stura, via Paolo Veronese, via Reiss Romoli)  
  • via Terni (Giardino Carmelo Gamuzza)  
  • Cascina La Grangia (corso Unione Sovietica)  
  • Parco Dora – ingresso via Nole
  • Giardino di via Como angolo corso Novara interno 78  
  • Passerella Franco Mellano angolo lungo Dora Siena  
  • via Carcano angolo via Ragazzoni  
  • Giardini Clessidra lato di Corso Turati  
  • Giardini Lanzo lato via E. Stampini  
  • Parco Dora – area ex Vitali  

Per partecipare al bando occorrerà presentare un progetto che dovrà garantire la presenza di un servizio igienico aperto al pubblico, segnalato e accessibile ai disabili, e la pulizia dell’area circostante il chiosco; sarà inoltre vietata la vendita di superalcolici e l’uso di bicchieri di vetro o di altri materiali potenzialmente pericolosi.

Saranno considerati elementi di qualità nella scelta del bando vincitore per ciascuna area, oltre alle caratteristiche già indicate, la presenza di elementi quali wifi libero, aree baby friendly, accessibilità a persone con disabilità, qualità del progetto tecnico (area massima occupabile: 30 metri quadrati), maggiorazione del canone Cosap.

Questo è un tassello fondamentale nell’opera di riqualificazione deli parchi e delle periferie – ha affermato oggi l’assessore all’Ambiente Alberto Uniaperché i parchi sono luoghi d’incontro naturali e popolari, spazi di socializzazione che diventano tali in funzione dei servizi e delle strutture per il tempo libero che la città è in grado di garantire. Il criterio di base per la scelta dei progetti sarà quello della sostenibilità ambientale e la capacità di essere un presidio per la sicurezza e la fruibilità del parco”.

 

Angelo Tacconi

loris@vicini.to.it

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +2 (from 2 votes)
Chioschi nei parchi, un bando per l'assegnazione di nuove aree, 10.0 out of 10 based on 1 rating

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*