“Oramai siamo carne e telefonino: la memoria non è più nella testa, ma nello smartphone”.

(Vittorino Andreoli)

Torino Comics

Nello scorso week end, 13/14/15 aprile, Torino Lingotto ha ospitato una vera leccornia per gli amanti del fumetto. Ma non solo gli amanti di questo argomento cult si sono divertiti a trovare in esposizione e in vendita una ricca offerta del loro genere preferito, ma anche coloro che amano o collezionano  manga, anime, cinema, games&videogames.

La presenza di alcune delle più titolate case editrici di genere, ha permesso di ammirare dalle meraviglie del passato recente, ai talentuosi giovani graphics all’opera, alcuni impegnati a produrre opere al momento e a richiesta del visitatore.

Le scuole si sono potute impegnare, nella giornata di venerdì, in laboratori di sensibilizzazione ambientale in gruppi di scrittura creativa e in giochi di ruolo su discriminazione e diversità.

Ma è stato il sabato, la giornata più pirotecnica. Si davano appuntamento centinaia di Cosplayers provenienti da ogni dove, richiamati dal fatto che Torino fosse l’unica tappa italiana dell’International Cosplay League competizione a cui partecipano cosplayers qualificati da paesi di tutto il mondo. Alla sfilata finale i Cosplayers partecipanti sono stati più di 350 i Le finali mondiali si svolgeranno nel mese di settembre a Madrid, in occasione del Japan Weekend.

Il mondo dei Cosplayers è immensamente variegato. Innanzi tutto chi si aspetta di trovare solo giovanissimi si sbaglia, certo la maggior parte di loro lo è, ma si sono visti passeggiare nei loro costumi a volte molto buffi anche anzianotti beatamente fieri della loro performance. I costumi si possono comprare (a caro prezzo, sembra) in negozi specializzati o online, ma la vera arte sta nel confezionarseli da soli. E bisogna dire che alcuni sono genialmente perfetti.

Ricchissima anche la compagine dei giocatori di giochi di ruolo e videogames.

Veramente divertente la proposta di “Mysteryilgiocodeldelitto” dedicata agli amanti dei gialli e dei giochi di ruolo. Il gioco è stato creato per vivacizzare le serata fra amici. I giocatori saranno protagonisti di un giallo e dovranno smascherare, indizio dopo indizio, il colpevole di un omicidio. Il cosiddetto murder mystery party è un gioco di intrattenimento sviluppato in Inghilterra .

Come funziona? È abbastanza semplice, ed è anche una bella palestra per chi volesse affinare le proprie tecniche recitative. Basta recarsi sul sito e selezionare un mistero, il numero di partecipanti, e scaricare la Mystery Box attraverso un download. Ogni giocatore riceve una scheda personale contenente la descrizione del proprio personaggio, la sua storia e le azioni da compiere durante il mystery party. La maggior parte dei giocatori avrà a disposizione anche alcuni indizi (es. lettere, fotografie, vecchi articoli di giornale) da utilizzare secondo quanto indicato nella propria scheda. Attraverso gli indizi, le azioni e le dichiarazioni dei personaggi, i giocatori dovranno svelare il mistero e l’assassino.

Ma non solo giochi, molto affollati anche gli appuntamenti  nei vari stands, dove si sono incontrati i  fans per le sessioni di disegni e autografi degli autori più amati.

Alla fine dell’evento il Lingotto ha potuto vantare la presenza di 56.000 visitatori, segnale che il mondo del comics è in gran forma!

Giulia Torri

 

giuliat@vicini.to.it

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*