“Il cambiamento è il processo col quale il futuro invade le nostre vite.” (Alvin Toffler)

Sognando i lungo fiume

Tutte le volte che vedo in qualche città straniera quei bei lungofiume vivaci e vivibili, mi domando perché a Torino non si sia riuscito ad ottenere niente di simile. A parte il breve tratto dei Murazzi, che non è stato un granché, come tentativo, non ci si potrebbero aprire qualche bottega di librai, per esempio, o piccoli bar dove prendere un te senza caciara, qualche negozietto di antichità, un paio di ristorantini discreti?

Abbiamo un lungo Po e un Lungo Dora così belli , incorniciati da una collina che sembra di toccarla, in certi giorni.

Invece i nostri lungo fiume, oltre a riscuotere l’indubbio apprezzamento dei cani e dei loro proprietari, il che, intendiamoci, è cosa buona e nei limiti dell’educazione dei padroni, anche giusta, in certe ore e in certe stagioni sono tristanzuoli come un vaso pieno di fiori secchi.

Giulia Torri

giuliat@vicini.to.it

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 8.3/10 (3 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +3 (from 3 votes)
Sognando i lungo fiume, 8.3 out of 10 based on 3 ratings

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*