C’è chi crede che tutto gli sia dovuto, ma non è dovuto niente a nessuno.

Le cose si conquistano con dolcezza ed umiltà.
(Madre Teresa di Calcutta)

Nuove protesi

Ma secondo voi quanto manca al passaggio tra la telefonia mobile a quella protesizzata?

Io credo manchi poco, capace che riesco ancora a vederla.

Mi spiego, appurato che non è più possibile vedere un essere umano deambulante o pedalante etc. che non stia parlando al cellulare o stia consultandolo per ragioni varie e sacrosante ed essendo assai improbabile che nei prossimi anni avvenga una repentina mutazione genetica che ci porti a nascere corredati di tre o quattro mani, il problema rischia di diventare serissimo.

Il pedone che si attarda sulla striscia per gesticolare forsennatamente o urlare improperi all’interlocutore del momento, deve tenere d’occhio troppe variabili. Il semaforo, la borsa o la cartella, spesso il cane al guinzaglio, a volte una carrozzina con dentro il pargolo.

Allo scattare del rosso spesso è ancora nel mezzo della discussione e dell’attraversamento e gli automobilisti, si sa, non sono pazienti.

E i due innamorati che al tavolino del ristorante cenano romanticamente a lume di display, volessero farsi una coccola, magari accarezzarsi i polsi o darsi dei buffetti affettuosi sulle guance, niente, impediti, all’amore servono due mani.

E allora io dico, non poniamo tempo in mezzo. Decidiamoci. Alla nascita, mentre si taglia il cordone ombelicale si fa un taglietto da qualche altra  parte e si inserisce la protesi telefonica.

Sarà un po’ difficile scattare foto, ma questo, con la tecnologia, si risolve.

Giulia Torri

giuliat@vicini.to.it

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 1.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)
Nuove protesi, 1.0 out of 10 based on 1 rating

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*