“A volte si ha così tanta paura di morire, che ci si dimentica di vivere.”

(OMAR SY – Samuel, nel film “Famiglia all’improvviso – Istruzioni non incluse”)

SCONFINAMENTI BANCARI

Non è che voglio parlare sempre dei miei tempi. “Ai miei tempi qui, ai miei tempi là”.

Lo so benissimo che questo tipo di litanie danno fastidio e anch’io ogni tanto mi stufo di me stessa.

E’ che osservo cose e dato che non mi spiego come mai accadono, mi trovo ad abusare della pazienza altrui per vedere se magari qualcuno riesce a spiegarmele in modo semplice a chiaro.

Dunque a Torino, quando ero ragazzina, esistevano due o tre banche. Agenzie parecchie, sì, ma sempre erano o San Paolo, o Cassa di Risparmio ( ora Unicredit) o forse Banca Commerciale, poco altro. Uno aveva il conto, normalmente in una di queste, lì si pagavano le bollette, si facevano i versamenti e compagnia bella.

Adesso non mi raccapezzo più, ci sono un sacco di banche extraterritoriali, con dei nomi marziani.

Per esempio, la  BCC di Casalgrasso e Sant’Albano Stura che fa? Perchè è qui? Mica voglio impedirglielo, non sia mai, ma come è sbarcata in città? Ce n’era di bisogno? Da Sant’Albano Stura?

E il Banco di Desio e della Brianza, perchè sfora i confini regionali?

Ma quella che mi fa più rabbia è: Che Banca!

Ma santo cielo, ma uno può andare a mettersi nelle mani di una banca che non ha trovato un nome migliore di questo?

Con che animo affido il gruzzolo ad una genericità linguistica tale?

Giulia Torri

giuliat@vicini.to.it

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*