“A volte si ha così tanta paura di morire, che ci si dimentica di vivere.”

(OMAR SY – Samuel, nel film “Famiglia all’improvviso – Istruzioni non incluse”)

La sostenibilità al Mausoleo della Bela Rosin

Domenica 16 giugno, dalle ore 10.00 alle 19.00, in Strada Castello di Mirafiori 148/7l’Associazione CentroScienza Onlus e Amiat Gruppo Iren, con la partecipazione del Museo Regionale di Scienze Naturali, daranno vita all’iniziativa “LA SOSTENIBILITÀ AL MAUSOLEO”, una giornata di attività, giochi e iniziative intorno al tema della sostenibilità.

L’inquinamento ambientale e il cambiamento climatico sono tra le questioni cruciali dei giorni nostri: in questo periodo se ne parla tanto, con preoccupazione e urgenza, ma non sempre le informazioni sono trasmesse in modo corretto.

Come possiamo modificare le nostre abitudini quotidiane in modo che queste abbiano un minore impatto sull’ambiente? Come possiamo riciclare o riutilizzare gli scarti? Quali sono gli accorgimenti da seguire per una corretta gestione dei rifiuti?

Oltre ai numerosi stand, sarà possibile assistere a una dimostrazione pratica dei mezzi Amiat utilizzati per la raccolta rifiuti e la pulizia della città in azione; tra essi anche un mezzo elettrico, fornito dal Gruppo Iren, nella direzione della sostenibilità ambientale anche in tema di mobilità.

All’interno del Mausoleo, nell’ambito dei festeggiamenti per i 50 anni dell’azienda, sarà inoltre possibile ripercorrere l’esposizione “50 anni di Amiat”: una serie di pannelli raccontano infatti come si è arrivati alla scelta del logo celebrativo e della nuova mascotte di Amiat – Taurino Netturbino.

L’iniziativa si svolge nell’ambito delle Settimane della Scienza 2019: qui il programma:

www.settimanedellascienza.it

 

L’ingresso e la partecipazione a tutte le attività sono gratuiti

 

Anna Scotton

annas@vicini.to.it

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +1 (from 1 vote)
La sostenibilità al Mausoleo della Bela Rosin, 10.0 out of 10 based on 1 rating

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*