“Non sapendo quando l’alba arriverà, tengo aperta ogni porta.” Emily Dickinson

Spazio PUBBLICO e vita PUBBLICA

La riflessione sul legame tra spazio e vita è diventata urgente ed importante e, da noi in Italia, è ancora relagata ai margini per via della battaglia , non ancora vinta, contro il Coronavirus.

Ma è proprio questa battaglia che deve porre una domanda che da lunedì 4 maggio dovrà avere risposte diverse da quelle che già conosciamo. Interessante è l’articolo di una architetta danese ( Helle Søholt) sulla rivista Gehl che si occupa di vita&spazi.

Lo riportiamo con una traduzione non professionale perchè apporta utili elementi alla discussione.

Qui il testo originale in inglese

Ora è un ottimo momento per pianificare in anticipo. Gli spazi pubblici accessibili a tutti non sono un “bello da avere”, ma una necessità per qualsiasi città e comunità globale di garantire la resilienza sociale, culturale, ambientale ed economica. Dobbiamo monitorare ciò che sta accadendo in questo momento e imparare dal cambiamento fondamentale dei comportamenti e dei modelli di mobilità, dai miglioramenti ambientali e dal forte impatto per le imprese della comunità locale per migliorare il modo in cui pianifichiamo socialità, salute e benessere.

In poche settimane la pandemia COVID-19 ha drasticamente cambiato il rapporto della maggior parte delle persone con le città, i quartieri e le strade in cui vivono. Con ogni livello di restrizione imposto alla società – dal blocco a livello nazionale, alle istruzioni “rimanere sul posto”, alle chiusure di varie istituzioni pubbliche e aziende del settore privato – la capacità delle persone, dei beni e dei servizi di operare in modo normale viene interrotta e addirittura si fermò completamente.

Sebbene tutti comprendiamo che questa perturbazione è assolutamente necessaria per impedire che i peggiori risultati della salute pubblica diventino realtà, è tuttavia tragico vedere e sentire il silenzio di luoghi che altrimenti conosciamo e amiamo come il cuore pulsante delle nostre comunità. Tuttavia, ed è comunque grande! Nonostante i sentimenti molto naturali di preoccupazione e tristezza che tutti noi possiamo provare in questi tempi difficili, ci sono così tante ragioni per essere ottimisti.

Un messaggio di speranza per i passanti a San Francisco. Credit: Sofie Kvist

Come umani, stiamo già assistendo all’azione collettiva (in) più straordinaria che si sta verificando in tutta la società: un legame mentale e fisico insieme per il bene pubblico. Non ci vuole abbastanza tempo per vedere i nostri strati sociali rimossi, rivelando una comprensione molto umana e condivisa l’uno dell’altro che altrimenti sarebbe considerata troppo imponente o intima. Rilegati, vediamo i nostri vicini “nella stessa barca”, a livello degli occhi, con nuove opportunità di empatia e comunicazione – da un sorriso ironico che riconosce la nostra situazione comune alle offerte di aiuto e cura tra coloro che conosciamo vulnerabili, al messa in comune di risorse lungo un’intera strada o blocco e nuove forme di socializzazione digitale. Come urbanista, conosco questi gesti innocui e le azioni collettive sono polvere d’oro nella formazione di comunità forti.Catalizzare tale connessione umana è ciò per cui lavoriamo ogni giorno in Gehl, basandoci sugli anni di conoscenza sviluppati da pianificatori umanistici come Jane Jacobs, William Whyte e Jan Gehl, sviluppando metodi per misurare le persone nelle città e perfezionando e integrando costantemente questo approccio attraverso scrittura, progetti e collaborazioni che continuano ancora oggi.

E così, nel giro di poche settimane, ci viene ricordato ciò che conta davvero come umani, come vicini e come parte delle nostre varie comunità – che siamo collegati, che abbiamo un impatto reciproco e che abbiamo una responsabilità reciproca. In un momento così critico per la sostenibilità del mondo, questa è una buona cosa da ricordare e che non dovremmo dimenticare quando ritorna la “normalità”.

Per i luoghi, anche noi stiamo vedendo, anche in un breve numero di settimane, una notevole riconfigurazione di entrambi gli spazi fisici e delle nostre relazioni con essi. In nessun luogo questo è più evidente dello spazio stradale che si svuota rapidamente nelle città di tutto il mondo. In Italia, la nazione più colpita in Europa, abbiamo assistito a una riduzione dei volumi di traffico complessivi del 65% e del 70% nei viaggi di veicoli personali. Negli Stati Uniti, San Francisco, la prima città a limitare le restrizioni del “rifugio sul posto” ha visto una riduzione del 50% dei volumi di traffico in soli due giorni la scorsa settimana (INRIX). Quindi, con il traffico veicolare al minimo e il trasporto pubblico in esecuzione a un servizio ridotto o cancellato, vediamo molte strade sotto una nuova luce, letteralmente prive di traffico e del rumore e degli inquinanti associati. Questo cambiamento senza precedenti ha già catalizzato alcuni per sfruttare l’opportunità di espandere le disposizioni temporanee sulle infrastrutture per altri modi di trasporto.

La rete ciclabile temporanea di Bogotà ha aggiunto 35 chilometri di piste ciclabili per integrare le rotte esistenti come uno degli unici modi per spostarsi in città per un lavoro essenziale.

 

Nelle ultime settimane, Bogotá è stata una delle prime città a utilizzare questa volta per espandere la sua “Ciclovia”programma – dove le strade selezionate sono prive di auto la domenica – per tutti i giorni della settimana. Durante la notte, una rete vitale di 585 chilometri (wow!) Di strade e piste ciclabili che favoriscono biciclette, scooter, corsa e camminata erano così collegate. Laddove è vietato o meno il trasporto pubblico, queste strade sono l’unico modo di viaggiare per le persone che devono lavorare sul posto, nonché uno spazio ricreativo chiave per le persone confinate nelle proprie case la maggior parte della giornata e settimana. Poco dopo Bogotá, il sindaco di Città del Messico ha annunciato una rete di strade di questa città, e in seguito il governatore di New York Andrew Cuomo ha presentato una serie di iniziative per espandere la rete ciclistica e migliorare la sicurezza dei ciclisti mentre la modalità di condivisione cresceva in tutta la città. Non degrada affatto le gravi conseguenze che questa crisi potrebbe avere sulle nostre città,è incoraggiante pensare all’eredità – sia negli atteggiamenti che nelle infrastrutture fisiche – che questi significativi aumenti della quota modale della bicicletta avranno per le città e tutti i benefici della vita pubblica che ciò comporta.

Dalla strada all’edilizia abitativa, ci viene anche ricordato il valore che la dimensione umana, i blocchi di cortile condivisi hanno per i residenti in questo momento di crisi. Per tutti i loro vantaggi – basta dare un’occhiata a Soft City di David Sim – la capacità del blocco del cortile di fornire spazi semi-pubblici-privati ​​tramite balconi, zone marginali e giardini del cortile si sta rivelando fondamentale per l’accesso della gente solo alla vita ‘all’aperto’. In un momento in cui le libertà personali e comunitarie sono limitate, questi spazi offrono alle persone l’opportunità di essere semplicemente all’esterno e di connettersi parzialmente o completamente con i vicini e la loro stretta comunità. In nessun luogo questo è più evidente e pubblicizzato (potresti aver visto i video dei residenti cantare sui loro balconi) che in Italia.

Soft City mette in mostra un approccio alla costruzione di città che privilegia i bisogni umani fondamentali come la luce, l’aria e la connessione con il luogo e la comunità – principi che non dovrebbero essere riconosciuti solo in tempi di crisi.

 

Lì, ad esempio, abbiamo visto il “Case a Ballatoio” o “Case a Ringhiera”, una variante molto popolare sulla tipologia del blocco perimetrale in progetti abitativi a prezzi accessibili a Milano. Ora ampiamente gentrificati, servono diversi dati demografici nel centro storico, il Ballatoio, che fornisce sia l’accesso alle abitazioni che la connessione visiva tra i residenti, ed è lo spazio finale di interazione sociale su scala del blocco.

Casi come Milano esemplificano l’importanza del nostro ambiente costruito di invitare vari gradi di socializzazione, fornire spazi aperti e intimi che incoraggino la connessione umana e garantire i fondamenti dell’accesso alla luce solare, all’aria aperta e alla natura che sono troppo facilmente ignorati sviluppo urbano moderno. Con le persone in tutto il mondo che stanno diventando distintamente consapevoli dei vantaggi e dei limiti che le loro case e il loro ambiente locale offrono, abbiamo ragioni per essere ottimisti sul fatto che oltre la crisi, aumenterà la domanda di ambienti umani più ampi, morbidi e comuni – e ciò non può che essere positivo per la resilienza, la salute e la sostenibilità delle future comunità di tutto il mondo.

Quindi, mentre entriamo nella terza settimana di restrizioni sociali qui in Danimarca, vediamo alcuni scorci di come questa pandemia globale possa avere un rivestimento d’argento per lo spazio pubblico e la vita in tutto il mondo – uno in cui gli spazi pubblici e le strade sono veramente pensati come pubblico condiviso spazio, in cui la natura è prioritaria e in cui il diritto di respirare aria pulita e sentirsi connessi alle nostre comunità è al centro di tutto ciò che pianifichiamo in futuro.

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*