“Non sapendo quando l’alba arriverà, tengo aperta ogni porta.” Emily Dickinson

CRONACHE DAL BUNKER 5

Per me si potrebbe già passare alla fase 3.

La 2, a distanza di una settimana, mi ha già stufata. Niente di granchè nuovo: sì, un po’ meno pulite le fughe delle piastrelle, qualche etto perso più per la latitanza dei lieviti e delle farine dai banchi del supermercato che per una reale ferrea lontananza da frigo e fornelli. Un paio di congiunti intravisti per tre minuti nel timore del subdolo contagio appostato tra una piega della mascherina e un plissè del guanto.

Prenotare il caffè e il cornetto non se ne è parlato, che oltre ad essere complicato mi fa sentire leggermente idiota; correre nei parchi cittadini col rischio di beccarsi un pernicioso raffreddore da sudata, ma quando mai?

La quarantena peggiorata da un martellante ritornello proposto dalle pubblicità televisive. RICOMINCIAMO. Ci invitano a ricominciare, più buoni e affratellati che mai, i divani, le sottilette, le mutande contenitive e tante flautate voci di bimbi, distratti dalla scuola virtuale per un provvidenziale contratto pubblicitario. Perchè i bimbi delle promozioni sono così buoni e ridanciani in questo periodo cupo?

Che hanno da ridere, povere anime?

Giulia Torri

giuliat@vicini.to.it

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 1.0/10 (1 vote cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +2 (from 2 votes)
CRONACHE DAL BUNKER 5, 1.0 out of 10 based on 1 rating

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*