In Olanda hanno inventato la birra per cani. Metà del mondo muore di fame, l’altra metà inventa minchiate!
Luciana Littizzetto

Serie tv: Cose serie 5

“Un attore è un tizio che, se non stai parlando di lui, non ti ascolta.” (Marlon Brando) Del  sacro fuoco per la recitazione e per la fama che arde in chi  vive respirando la polvere di un palcoscenico o di un set si occupa pure una serie tv: Il metodo Kominsky (dal 2018, 22 puntate, 3 stagioni, da fine maggio 2021 online la terza), ideata dall’americano  Chuck Lorre e prodotta da Netflix. Protagonisti  di razza  Michael Douglas e Alan Arkin,  i quali interpretano due personaggi del mondo dello spettacolo su viale del tramonto: il primo, Sandy Kominsky, attore mai diventato famoso,  ha però messo su una buona scuola di recitazione; il secondo è  l’amico e agente cinematografico Norman Newlander, dai modi bruschi e dalla battuta pronta. A brillare, quindi, sono i battibecchi tra i due i quali, tra il caustico e l’irriverente, pattinano sui temi cruciali dell’esistenza (morte, malattia, genitorialità, sesso…) in modo leggero, intelligente e schietto. Il “metodo” del  titolo forma gli allievi, attraverso la guida del mentore Sandy, oltre che al mestiere, alle asperità della vita. Nell’ultima stagione, la serie può vantare new entry di prestigio e carisma come Katleen Turner, nel ruolo della saggia ex-moglie di Sandy, e Morgan Freeman, in un gustoso cameo in cui si prende gioco di sé. Da vedere.

Hollywood, è una miniserie, prodotta da Ryan Murphy e anch’essa  targata Netflix (2020, 1 stagione, 7 puntate). Liberamente ispirata all’autobiografia di Scotty Bowers (un ex marine che  procurava sesso a pagamento alle star usando il proprio distributore di benzina come copertura), ricostruisce ambienti e atmosfere  della Los Angeles  degli anni ’50, regolata da  razzismo, omofobia e abusi di potere. In realtà la Mecca del Cinema americano nella fiction è rappresentata più aperta ed inclusiva di quanto non fosse: fino ad ipotizzare il coming out di Rock Hudson, al secolo Roy Fitzgerald,  impensabile per allora, e l’affermazione  di artisti di colore (personaggi di fantasia), quali lo sceneggiatore Archie Coleman, gay e nero, o la brava attrice Camille,  che riesce a emanciparsi dai ruoli secondari come cameriera, a cui l’avevano relegata in quanto afroamericana. Come a dire che Hollywood, ovvero Dreamland, è davvero la terra dove tutti i sogni, prima o poi, diventano possibili.

Anna Scotton

annas@vicini.to.it

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (3 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +3 (from 3 votes)
Serie tv: Cose serie 5, 10.0 out of 10 based on 3 ratings

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*