“Non vi rassegnate al mondo di oggi dove ancora molte persone muoiono di fame e di miserie e dove predomina la violenza omicida della guerra” 
(mons. Cesare Nosiglia)

Il giorno della memoria

al Polo del 900

Dalla sua nascita il Polo del 900 ha partecipato con proposte importanti e diffuse, alla celebrazione del giorno della memoria.

Anche quest’anno e fino al 27 febbraio sono in programma spettacoli, dirette radiofoniche, mostre, letture, eventi per bambini, visite guidate, social reading, proiezioni.

Tali iniziative avverranno in presenza al Polo, nei luoghi della memoria cittadini e online.

Le potenzialità del digitale, infatti,  permettono di raggiungere un pubblico più ampio anche  su scala regionale e nazionale, pubblico  che normalmente non partecipa agli eventi in presenza presso le strutture del Polo del ‘900 o in città.

Tutte le manifestazioni  sono realizzate grazie al sostegno del Comitato Resistenza e Costituzione del Consiglio regionale del Piemonte, con il patrocinio della Comunità Ebraica di Torino.

Tra gli obiettivi fondamentali c’è quello di coinvolgere le scuole: dalle iniziative pubbliche alle visite guidate nell’allestimento permanente del Museo Diffuso della Resistenza, così come alla posa delle Pietre di inciampo con la presenza di Gunter Demnig, momento conclusivo di un percorso didattico che, durante l’anno, consente alle studentesse e agli studenti di approfondire il tema attraverso la scrittura delle biografie dei deportati, cui sono dedicate le Pietre.

Si considera infatti di fondamentale importanza la continuità delle conoscenze tra generazioni, al fine di far comprendere quel che è successo in passato al fine di non perdere il senso della storia ed evitare il rischio della ripetizione delle tragedie passate.

(programma completo e prenotazioni al sito www.polodel900.it).

Giulia Torri

giuliat@vicini.to.it

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*