“In democrazia non decide la popolazione, ma chi va a votare”
(Milena Gabanelli, giornalista)

Don’t look up, di Adam McKay 

Passato solo per pochi giorni in sala, Don’t look up è senz’altro da recuperare sulle piattaforme, dove è subito schizzato ai primi posti della classifica dei film più visti.

Due astronomi, la dottoranda Kate Dibiasky (Jennifer Lawrence) e il professor Randall Mindy (Leonardo Di Caprio), scoprono una cometa in orbita all’interno del sistema solare, la quale nel giro di qualche mese impatterà sulla Terra, mettendo a rischio la sopravvivenza degli esseri umani. La notizia viene fatta pervenire alla Nasa e alla Casa Bianca, ma non vengono prese  misure adeguate, perché si impongono  ragioni e interessi legati alle  logiche dominanti: economiche, politiche e di controllo sociale.

Il “disaster movie”  è giocato sul doppio registro, drammatico e satirico: la notizia della catastrofe imminente fatica a trovar spazio sui media, schiacciata tra l‘assurdità del gossip televisivo  e l’avidità di chi, come il guru della Silicon Valley, punta a una soluzione per trarre profitto dai minerali di cui è composto l’asteroide.

I personaggi esasperano molti tic del tempo d’oggi: la spregiudicatezza e il familismo di Meryl Streep nei panni di un presidente degli Stati Uniti simil-Trump; l’abuso di tranquillanti da cui dipende lo scienziato degli astri Di Caprio; la sottomissione alla dittatura delle app della dieta. Anche l’appello alla consapevolezza, quel “guardar sopra” per seguire la traiettoria reale della cometa, diventa spettacolo in un evento di piume e lucine con Ariana Grande & Kid Cudi. 

 

Adam McKay è uno sceneggiatore e  regista di talento, che nel 2020 ha ricevuto il premio come miglior produttore della serie tv drammatica Succession.   Nel 2016 ha diretto La grande scommessa (Premio Oscar per la migliore sceneggiatura non originale) e nel 2019 Vice – L’uomo nell’ombra. 

Per  la rappresentazione di un disastro planetario, metafora di calamità attuali o prossime,  l’autore ha raccolto un cast  stellare, di attori partecipi e convincenti, che hanno creduto in questo progetto e nella necessità di dare un avvertimento al mondo. Lo scontro nel film tra negazionisti e non  suona quanto mai familiare se si pensa alla pandemia da Covid-19. (”Loro vogliono che abbiate paura, loro credono di essere migliori di voi…”), o a quella ambientale, tema a cui, nonostante i segnali di allarme ripetuti, si presta un’ attenzione ancora insufficiente e discontinua.

Con: Leonardo DiCaprio, Jennifer Lawrence, Meryl Streep, Jonah Hill, Cate Blanchett, Timothée Chalamet

Sulle piattaforme Netflix e Sky Q 

Voto: 8/10

Anna Scotton

annas@vicini.to.it

 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +3 (from 3 votes)
Don’t look up, di Adam McKay , 10.0 out of 10 based on 2 ratings

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*