"C’è una strada che va dagli occhi al cuore senza passare dall’intelletto." (GK Chesterton)

Officina dei beni comuni: l’evento finale del progetto di Labsus in Piemonte

Il 19 ottobre, dopo dieci mesi di intenso lavoro è tempo di bilanci per il progetto “Patti. Per l’Amministrazione condivisa in Piemonte”, promosso da Labsus e supportato da Compagnia di San Paolo.

Il percorso, avviato a gennaio di quest’anno, si è concentrato sulla promozione e valorizzazione della cultura dell’Amministrazione condivisa attraverso attività di formazione, co-progettazione e divulgazione.

I numeri del progetto

In dieci mesi Lapsus ha coinvolto nel programma di formazione sull’amministrazione condivisa tre Comuni (Chieri, Collegno e Condove), dieci istituti scolastici (dei Comuni di Chieri, Collegno, Condove e Torino), le otto Case del Quartiere di Torino e due soggetti strategici per i territori extra urbani, la Fondazione di Comunità del Canavese e il Centro di Cultura Valdese.

Parallelamente alla fase di formazione sono stati realizzati 20 laboratori itineranti, occasioni concrete per fornire un accompagnamento alla stipula dei Patti di collaborazione ed alla soluzione delle problematiche emerse nel corso della formazione. I laboratori hanno coinvolto tutti i soggetti beneficiari, incrociando anche nuovi attori attivi sul territorio.

FullSizeRender

19 ottobre, verso nuove sfide

Per ogni fine c’è sempre un nuovo inizio: questo lo spirito dell’evento conclusivo “Officina dei beni comuni” che si terrà il 19 ottobre a Torino.  Non solo quindi un’occasione per presentare gli esiti del progetto che ha coinvolto Municipi, scuole, Case di quartiere, cittadini attivi, soggetti strategici dei territori extra urbani, ma soprattutto un’opportunità di riflessione collettiva sul futuro dell’amministrazione condivisa nel nord-ovest.

All’evento, che si svolgerà nel pomeriggio dalle 14.30 alle 19.00, in Piazza Bernini 5, interverranno

  • Francesco Profumo, presidente di Compagnia di San Paolo,
  • Gregorio Arena, presidente di Labsus
  • Anna Maria Poggi, in qualità di rappresentante di Compagnia di San Paolo e Università degli Studi di Torino.

Saranno inoltre presenti i protagonisti diretti del percorso, per raccontare quanto realizzato in questi mesi e avviare una nuova riflessione, più ampia e articolata, sull’amministrazione dei beni comuni nel nord-ovest.

A questo scopo, le buone pratiche piemontesi saranno confrontate con le esperienze virtuose di Liguria e Valle d’Aosta.

FullSizeRender (2)

Il programma

Il pomeriggio sarà articolato in quattro parti: un racconto del nostro progetto in Piemonte, una prima tavola rotonda con tre rappresentanti dei comuni beneficiari del progetto seguita da una valutazione dei risultati, ed una seconda tavola rotonda con alcuni dei soggetti che seguono da vicino i nuovi processi in atto in Piemonte, Liguria e Val d’Aosta. Infine, la giornata si concluderà con una riflessione sulle strategie per la costruzione di una piattaforma del nord-ovest per l’amministrazione condivisa.

L’evento del 19 ottobre guarda al futuro, alla costruzione di una rete forte e coesa, che può diventare realtà se tutti gli attori, dalle amministrazioni locali ai cittadini attivi, sapranno sperimentare e rendere operativa, insieme, un’amministrazione condivisa ad un livello giuridico e spaziale superiore, quello interregionale.

fonte:http://www.labsus.org , Rossella Crivello

 

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0.0/10 (0 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 0 (from 0 votes)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*