Quando la libertà arriva con le mani sporche di sangue è difficile stringerle la mano.”
(Oscar Wilde)

Tutta la vita è lontano

120 anni della nascita di Carlo Levi

“Carlo Levi è stata una figura straordinaria di intellettuale eclettico, sempre curioso della vita. Siamo felici di potergli rendere onore grazie a questa rete virtuosa di istituzioni, impegno e passione condivisi.”

Così Elena Loewenthal, direttore della Fondazione Circolo dei lettori ha presentato la serie di eventi tra letteratura, pittura, fotografia, cinema, musica, poesia, organizzati in occasione dei 120 anni della nascita  dell’illustre torinese.

Scrittore, medico, intellettuale, politico, artista:  protagonista poliedrico della vita culturale del  Novecento italiano,  Carlo Levi è omaggiato dalla sua città  con un progetto multidisciplinare organizzato dal Circolo dei Lettori, in collaborazione con la Gam- Galleria  Civica di Arte Moderna e Contemporanea, Camera- Centro Italiano per la fotografiaMuseo Nazionale del Cinema.

IL PROGRAMMA

L’opera.

Un ricco programma di dibattiti e approfondimenti, lezioni-racconto di grandi autori in merito alla figura umana e all’opera di Levi,  si tengono al Circolo dei Lettori, secondo un nutrito calendario

L’arte.

Particolare risalto viene dato alla pittura, forse il “primo mestiere” di Carlo Levi, fin dal periodo dei Sei di Torino e per il corso dell’intera carriera, che tocca il realismo e l’impegno sociale, pur non abbandonando mai l’ispirazione poetica e l’eleganza del segno e del colore.

Alla Wunderkammer della GAM, la mostra “Viaggio in Italia. Luoghi e volti”, fino all’8 maggio, curata da Luca Beatrice ed Elena Loewenthal, offre una selezione di 30 opere significative che costituiscono “uno spaccato della storia dell’Italia del 900: volti, figure di persone vicine a Levi, a partire dei familiari fino a figure di artisti conosciuti a Roma, da Pablo Neruda a Silvana Mangano”.

E poi i luoghi vissuti, da Torino, che gli ha dato i natali, ad Alassio, che lo ospitava in vacanza, e soprattutto il Sud,  di cui ha realizzato numerose opere che  rappresentano  momenti salienti della sua ricerca pittorica. Nella rassegna è coinvolto il comune di Aliano, il piccolo borgo in provincia di Matera che ospitò Levi durante il  confino in Basilicata e che ha fornito due autoritratti dell’artista.

La fotografia.

La mostra La Lucania nelle fotografie di Mario Carbone per Carlo Levi. Una testimonianza di vita, dell’esistenza di un mondo vero, fuori dalla storia e dai suoi orrendi risultati – a cura di Elena Loewenthal e Luca Beatrice, in collaborazione con CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia – raccoglie 31 fotografie scattate da Mario Carbone, nel suo viaggio di ritorno in Lucania con Levi nel 1960. Provenienti dall’Archivio fotografico Mario Carbone Roma, e saranno ospitate al Circolo dei Lettori, in Sala Lettura,  fino al 28 febbraio.

Nelle immagini emerge il legame  di Levi con la Basilicata,  la terra che lo accolse e dove maturò buona parte del suo impegno politico e sociale, e la sua gente.

Il cinema.

In collaborazione con il Museo Nazionale del Cinema di Torino e CSC-Archivio Nazionale Cinema Impresa,  sarà organizzata una rassegna che ripercorre il rapporto di Levi con il cinema. Levi fu infatti sceneggiatore di Il grido della terra di Duilio Coletti nel 1949, disegnatore e costumista nel perduto Pietro Micca e in Patatrac, e dal romanzo più celebre Cristo si è fermato a Eboli venne tratto il film di Francesco Rosi. La rassegna prevede la proiezione di cinque pellicole, in programma dal 14 al 16 febbraio.

Tutta la vita è lontano è un progetto di Fondazione Circolo dei lettori realizzato con GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea, CAMERA – Centro Italiano per la Fotografia, Museo Nazionale del Cinema. Con il patrocinio di Città di Torino, Regione Basilicata.

In collaborazione con: Archivio Fotografico Mario Carbone Roma, Associazione Letti di Sera, Comune di Aliano e Pinacoteca Carlo Levi di Aliano, Centro Sperimentale di Cinematografia, Comunità Ebraica di Torino, Fondazione Carlo Levi di Roma, Giulio Einaudi editore, Museo Lanfranchi e Centro Carlo Levi di Matera, Pinacoteca Carlo Levi di Alassio, Fondazione Ragghianti di Lucca.

Info, prenotazioni, biglietti 

Tutti gli incontri sono a ingresso libero, con prenotazione obbligatoria su circololettori.it (info@circololettori.it – 011 8904401).

Con la Carta Plus è possibile prenotare il tuo posto nelle prime file dedicate.

La mostra al Circolo dei lettori è a ingresso libero

Per la mostra alla GAM consultare gamtorino.it

I biglietti per le proiezioni al Cinema Massimo (14/02 € 6 | ridotto € 4; 15-16/02 € 4 | ridotto € 3) sono acquistabili su cinemamassimotorino.it (in prevendita) e presso la biglietteria del cinema (il giorno stesso).

Sono sempre necessari Super Green Pass e mascherina FFP2.

Anna Scotton

annas@vicini.to.it

VN:F [1.9.22_1171]
Rating: 10.0/10 (2 votes cast)
VN:F [1.9.22_1171]
Rating: +2 (from 2 votes)
Tutta la vita è lontano, 10.0 out of 10 based on 2 ratings

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*


*